Wired Ventures vende una rivista per avanzare

Palo Alto (Reuters) — Wired Ventures ha detto venerdì che venderà la rivista Wired in modo che possa rimodellare la sua attività — e si spera che sia il suo bilancio — Sulla falsariga di alcune storie di successo di Internet, ha raccontato nelle sue pagine.

The San Francisco Company sta vendendo la pubblicazione di stampa mensile cablata per far avanzare gli editori di riviste, proprietario del gigante della rivista di New York Conde Nast, le cui pubblicazioni includono Vogue e Vanity Fair.

Dopo la vendita, Wired Ventures sarà lasciata con un gruppo di pubblicazioni online, tra cui notizie Hotwired e Wired, e il motore di ricerca Hotbot, una combinazione che potrebbe finalmente renderlo vincitore a Wall Street.

Il presidente di Wired Ventures Beth Vanderslice ha dichiarato che la società “ crede che abbiamo massimizzato il valore degli azionisti attraverso questa transazione, ” ma ha rifiutato di commentare se potrebbe riprovare a diventare pubblici. Due offerte pubbliche iniziali pianificate in passato sono state abbandonate a causa della mancanza di interesse degli investitori.

Ma altri vicini alla compagnia hanno detto di credere che tre potessero essere un incantesimo ora che Wired Ventures è un puro gioco Internet.

Wired Ventures non ha rivelato il prezzo per il quale ha venduto la rivista Wired, ma ha detto che utilizzerà i proventi per ripagare il debito a breve termine e finanziare le sue attività online. Ha detto che le attività online dovrebbero diventare redditizie entro il quarto trimestre di quest’anno e sono già tra i 16 siti più visitati su Internet.

Cablato, la rivista autodescritta per il “ Digerati, ” ha una circolazione di circa 400.000 ed è stato redditizio negli ultimi cinque quarti.

La rivista Wired, che continuerà a essere pubblicata da San Francisco, ha dichiarato di non aver previsto grandi cambiamenti nel suo formato editoriale.

“ Abbiamo ammirato a lungo cablato per il suo approccio innovativo alla pubblicazione e alla sua forte voce editoriale, ” Presidente anticipato s.IO. Newhouse ha detto in una nota. “ non vediamo l’ora di lavorare con la gestione esistente per far crescere ulteriormente la rivista.”

Lascia un commento