Venezia Fest Chiusura Fete perde sponsor

Roma — Il gala di chiusura della notte in programma per chiudere la 54a Venezia Intl. Film Festival Sep. 6 nella storica Piazza San Marco potrebbe essere minacciata a causa del ritiro di 11 ore di sponsor privati per la sera.

I piani per l’evento di chiusura sono stati annunciati diverse settimane fa dal nuovo regista Felice Laudadio, con la cerimonia di premiazione e il ritorno del film finale, dopo molti anni ’ Assenza, dal Lido di Venezia a Venezia, all’ombra della Basilica di San Marco.

‘ Richard III ’ per lo screening

Una stampa restaurata del film americano più noto esistente, James Deane del 1912 “ Richard III, ” è lo screening, con un’orchestra dal vivo che gioca una colonna sonora appositamente scritta condotta e composta da Ennio Morricone e con la narrazione di Vittorio Gassman.

Gianfranco Pontel, segretario generale della Biennale, il Consiglio Arts che controlla il Fest, ha confermato che lo sponsor originale, il produttore di orologi Omega, si è ritirato. Attualmente è alla ricerca di sponsor sostitutivi. Tuttavia, Pontel ha dato la certezza che il gala andrà avanti come previsto, se necessario con un cambio di posizione.

“ La messa in scena la serata a Piazza San Marco comporta un costo considerevole, ” Pontel ha detto Daily Variety. “ se un altro sponsor non arriva per coprire quel costo, potremmo doverlo tornare al Lido, nel Cinema Palazzo del Cinema. Ma gli elementi fondamentali dell’evento rimarranno invariati.”

Seconda battuta d’arresto

La battuta d’arresto segna il secondo problema di sponsorizzazione per compromettere i piani per l’imminente Venice Fest, che apre agosto. 27. All’inizio di quest’anno, Laudadio ha annunciato la sua intenzione di lanciare Venezia Intl. Mercato cinematografico, una struttura di vendita selettiva da correre in tandem con il festival, che mostra il prodotto di qualità internazionale di qualità. Il piano è stato sospeso, tuttavia, a causa della mancanza di finanziamenti.

“ Quando ho fatto l’annuncio, eravamo certi di avere uno sponsor privato, ” disse Laudadio. “ ma sfortunatamente, l’immagine dell’azienda che ci ha offerto denaro era completamente in conflitto con l’immagine di Venezia, quindi abbiamo dovuto dire di no a una somma sostanziale.”

Laudadio ha affermato che la ricerca e la pianificazione che sono entrate nella creazione di un mercato di Venezia — che doveva essere organizzato in combinazione con MIFED — ha rivelato un grande interesse sia degli acquirenti e dei venditori italiani che offshore e che il progetto sarà rimesso in pista nel 1998.

Lascia un commento