Tenacia di Twitter

Ashton Kutcher e Demi Moore non hanno carenza di capacità di attirare l’attenzione nella stampa delle celebrità. Né hanno problemi a raggiungere la loro base di fan, cosa con circa 7.3 milioni di follower su Twitter tra di loro. Ma ultimamente hanno portato il loro attivismo sociale a un nuovo livello, Chiamando i legislatori specifici per agire.

Venerdì hanno annunciato che il loro fondazione stava lanciando una campagna per vietare la schiavitù infantile ad Haiti, un’estensione del loro sforzo per eliminare la schiavitù sessuale infantile in tutto il mondo. Durante il fine settimana, Moore ha chiamato i membri specifici del Comitato per le relazioni esteri del Senato da Tweet, chiedendo loro di affrontare il problema e ha generato alcune risposte, tra cui una di Sen. Ben Cardin (D-MD.), che ha notato che ha cosponsorizzato il compatto per la protezione dei minori con Sen. Barbara Boxer (D-Calif.) e sen. Sam Brownback (R-Kansas). “Grazie 4 la tua leadership, ” Lei rispondere, “ ma puoi anche chiedere al governo haitiano di fuorilevare la schiavitù del bambino?”

Una settimana fa, Moore ha chiamato Sen. Scott Brown (R-Mass.) e Gov. Deval Patrick (D-Mass.), scrivere, “ traffico di esseri umani shld b a crimine come cn non è b in ma @scottbrownma @massgovernor ? Facciamola una priorità 2 Crea la protezione RT.” Patrick rispose, “Traffico coperto da leggi criminali 3+ MA & La fattura in sospeso (S58) rende le leggi più forti.” Ma ciò è stato contrastato da questa risposta dalla coppia: “ siamo d’accordo sul fatto che S58 sarebbe un grande passo—Ma non siamo d’accordo sul fatto che sia sufficiente dire che il traffico lo è “coperto” da altri statuti.”

Qualsiasi attivista, celebrità o altro, lotta per l’attenzione, ma la maggiore sfida è l’azione legislativa e, a tale proposito, il bar è stato sollevato. Il concetto di celebrità che vanno a Capitol Hill per testimoniare sulla loro causa particolare è ora visto come più un modo per i legislatori e le stelle di condividere una pubblicità a reciprocamente garantita rispetto all’azione reale.

L’idea alla base di lobbying-vi-twitter (molto più facile del trekking verso la collina) è molto meno a attirare i senatori in un dibattito di quanto non sia quello di far sì che i loro seguaci mettano pressioni anche su di loro. Questo è il motivo per cui il bar è stato sollevato. Con alcune eccezioni, non è più sufficiente avere semplicemente fama e connessioni, ma un seguito concreto, simile a una campagna politica in grado di attingere a una cassa di allevamento di e-mail e liste di donatori di piccoli dollari.

We ’ vediamo dove va — Se va ovunque. Ma è una svolta su uno spettacolo standard in D.C.

Lascia un commento