Spielberg e Lucas danno D.C. Una dose di rockwell bobina

Si dice che Norman Rockwell abbia osservato una volta, “ se non avessi diventato A
pittore, mi sarebbe piaciuto diventare un regista.”

Professionalmente
E personalmente ha abbracciato Hollywood, la sua abbagliamento e la delusione,
Ma era nella sua capacità di raccontare l’americano idealizzato per eccellenza
storie in un’unica immagine che assomigliava ai cineasti ’ mestiere, un punto
Ciò è rafforzato nella mostra di Smithsonian American Art Museum;
“ raccontare storie, ” Apertura del 2 luglio a Washington.

La mostra
non solo esplora le connessioni di Rockwell ai film ma a due
“ Kindred Spirits ” Nella sua eredità, Steven Spielberg e George Lucas. IL
La mostra è dotata di 57 principali opere di Rockwell detenute dai due cineasti,
che sono tra i collezionisti più significativi dei dipinti dell’artista,
disegni e schizzi.Virginia Mecklenburg, curatrice senior al
Smithsonian, afferma che un aspetto impressionante delle loro collezioni è che loro
Coprire la carriera di Rockwell, dai suoi primi giorni al
Sabato sera Post all’ombra della prima guerra mondiale al tumulto sociale
degli anni ’60 e ’ 70s.

Spielberg, ad esempio, possiede “ Pardon Me, ” UN
Copertura post 1918 in cui un ragazzo esprime imbarazzo per stare in piedi
il suo piede di danza, mentre Lucas ha il compagno 1921 “ il
Wishbone, ” con una giovane coppia non corrispondente che strappa un pollo
osso.

Lucas ha il disegno a matita di “ buon compleanno Miss Jones ”
(1956), in cui un insegnante sorride alla sua stanza di studenti, mentre
Spielberg ha la pittura ad olio.

Quello che è immediatamente evidente è il
misura in cui molti dei lavori in mostra sembrano così familiari, se no
Perché i dipinti stessi sono così iconici ma perché il loro contenuto
evoca un senso di conforto, anche quelli che riflettono i problemi del
tempo.

Tra questi è “ torniamo a Civvies ” (1945), da Spielberg ’ s
collezione, in cui Rockwell raffigura un pilota della seconda guerra mondiale, avendo
tornò a casa nella sua vecchia camera da letto, scrutando in uno specchio e meravigliandosi
I suoi vestiti inadatti. Gran parte della vita dell’uomo è raccontata semplicemente da
gli oggetti sul suo comò.

Sospeso nell’ufficio di Spielberg è “ Boy On
Ad alta immersione ” (1947), in cui un ragazzo scruta la fine di un massimo
immergersi, i suoi occhi si gonfiano nella paura del tuffo di 20 piedi. Ha detto Spielberg
il dipinto “ rappresenta ogni film appena prima di impegnarmi
dirigendolo — Solo quel momento, prima di dire ‘ sì, sono andato a
dirigi quel film.’ ”

Rockwell, morto nel 1978, era nel
Twilight della sua carriera di Spielberg e Lucas stavano appena iniziando il loro.
Ma ognuno è cresciuto come appassionati di artisti ’ lavoro.

In un 2008
Intervista condotta da Mecklenburg e Laurent Bouzereau per il
mostra, Lucas afferma che Rockwell era “ probabilmente una ragione molto grande che io
Mi sentivo così a mio agio quando sono entrato nel settore del cinema.”

“ lui
ci ha mostrato una versione idealizzata della vita, di ciò che voleva che fosse o
Quello che pensava fosse, ” Dice Lucas. “ L’ho fatto in ‘ American
Graffiti.’ Sono venuto da una piccola città della California centrale e sono cresciuto
IL

Lascia un commento