Sintonizzare per il duetto

Paris — Vivendi Universal e Sony hanno pubblicato maggiori dettagli su Duet, un patto per legare i primi due cataloghi musicali del mondo e annegare Napster nelle guerre della musica online.

Viv u capo Jean-Marie Messier giovedì pronunciato: “ Ci stiamo preparando a concedere in licenza quasi il 50% del totale di produzione musicale totale.”

Duet, che ha sottolineato Messier è stato A “ Soft Alliance, ” è in fase di sviluppo a New York e inizierà a commercializzare i suoi servizi quest’estate, ha detto al quotidiano finanziario francese La Tribune.

Ma mentre il duetto è pronto a negoziare con Napster “ il giorno Napster rispetta la decisione del giudice della California, ” È già in “ discussioni più avanzate con altri partner (distribuzione online), ” Disse Messier.

Napster Countermove

In effetti, la fanfara giovedì sopra il duetto, la cui ultima presentazione lo scorso maggio ha creato molta meno confusione, schiacciata dal punteggio di punti sulle case discografiche e#8217; Archenemy Napster, che ha recentemente collaborato con Bertelsmann.

Ci sono alcune domande appese al duetto, tuttavia. Ad esempio, Messier ha descritto l’accordo Sony come esclusivo ma poi ha continuato a dire, “ speriamo che gli altri si uniscano a noi.” Né era chiaro se Duet intendesse licenza per i distributori, offrire un servizio direttamente ai clienti o entrambi.

Martedì, Napster ha fatto notizia quando si è offerto di pagare alle case discografiche di un totale di $ 1 miliardo in cinque anni in cambio di aver lasciato cadere la causa per la violazione del copyright.

Napster ha anche detto che avrebbe remunerato compagnie discografiche tramite un addebito di abbonamento agli utenti.

Messier ha reagito freddamente all’offerta.

“ We Aren ’ t nell’abitudine di negoziare attraverso conferenze stampa interposte, ” Ha detto a La Tribune.

Viv u ha una quota di mercato musicale del 28% mentre Sony ha il 18%.

Piani di foto online

Messier ha anche affermato che in tandem con i suoi piani musicali, Vivendi U perseguiva partenariati di distribuzione di film online.

“ Ci stiamo già lavorando. Spero che l’industria cinematografica preghi e anticipa subito la domanda sulla distribuzione online. Anche in quella zona, saremo aggressivamente offensivi.”

Nel frattempo, le compagnie di musica indie francese sono state scoraggiate giovedì sulla proposta di Napster e Viv U e Sony.

Un portavoce dell’Unione di produttori indipendenti della Francia ha affermato che le piccole società musicali dovrebbero creare la propria piattaforma musicale comune “ in modo che ci siano altre opzioni.”

Lascia un commento