Segnali misti nell’udienza dei futures di Feds

L’idea del trading di futures cinematografici potrebbe essere un punto controverso se la legislazione di riforma finanziaria approvasse, ma i regolatori federali che considerano due proposte hanno tenuto un’udienza pubblica mercoledì in cui hanno ascoltato un mix contraddittorio di avvertimenti di severi e una brillante promessa su ciò che il proposto botteghino proposto Il trading significherebbe.

Come hanno fatto in precedenza, alcuni dei commissari della Commissione per il commercio dei futuri delle materie prime, l’organo governativo che supervisionerà due scambi che pianificano i contratti commerciali in base ai rendimenti del botteghino, ha espresso preoccupazione per la loro fattibilità. Il commissario Bart Chilton, tra quelli con dubbi, ha persino coniato un nuovo termine per loro: “ Popcorn Prevision Markets.”

Il mese scorso, i regolatori hanno approvato la formazione dello scambio di tendenza, da Media Derivatives Inc., così come lo scambio di cantor, ma ha lasciato aperto la questione se potessero effettivamente scambiare contratti cinematografici. La prima delle proposte, dallo scambio di tendenza, deve essere accettata o respinta dalla Commissione entro il 7 giugno.

Sebbene almeno tre membri della Commissione a cinque persone abbiano espresso riserve sull’idea, non è ancora chiaro come decideranno alla fine e, se rifiutano la proposta, sotto quale logica legale lo farebbero.

Sebbene il Senato sia attualmente in difficoltà con la legislazione sulla riforma finanziaria, la versione attualmente sul Flkoor contiene ancora una disposizione che vieterebbe il trading sulla base delle entrate al botteghino.

All’udienza della Commissione, il presidente Gary Gensler ha chiesto ripetutamente se B.O. Le ricevute sono cadute sotto la definizione di merce e hanno suggerito che la fiducia del cervello della Commissione avrebbe concluso che lo fa. Ma se decidono che ci sia ancora un potenziale per la manipolazione, ha detto.

Gensler ha anche osservato che la Commissione è incaricata di approvare questi contratti a meno che non scopra di violare il Commodity Exchange Act. Ma ha anche detto che crede che ci sia una differenza fondamentale tra il trading di futuri sui singoli film e farlo su colture di mais o vaste quantità di petrolio.

Le sue opinioni sono state generalmente echeggiate da altri commissari che hanno pettinato i testimoni di questioni su questioni tra cui il potenziale di abuso del mercato proposto. “ come dobbiamo garantire che le barriere al trading insider siano applicate?” ha chiesto il commissario Michael Dunn. Chilton si chiedeva se esistesse una merce sottostante, ” e di nuovo ha sollevato preoccupazioni per la manipolazione del mercato.

Eppure il direttore della supervisione del mercato della Commissione, Rick Shilts, ha osservato l’importante ruolo svolto dalla misurazione dei media e dalla società di ricerca Rendrak Corp., Con sede a Portland, Ore., Come aggregatore di dati di terze parti affidabile senza alcun interesse diretto per nessun singolo film. Supportato da b.O. Dati forniti dai distributori, sembrano esserci meccanismi in atto in modo che i regolatori possano avere fiducia nell’accuratezza della B.O. numeri, ha detto.

In un certo senso, gran parte dell’udienza assomigliava a quella prima dei sottocomitati della Camera e del Senato il mese scorso.

Ancora una volta testimoniava Bob Pisano, CEO ad interim del film Assn. d’America, che portò la sua macchina per lobbying ad alta potenza nella sala d’udito affollata per sfatare gli scambi proposti, si unì in opposizione dal rappresentante IA e DGA Scott Harbinson. Pisano ha fatto eco a ciò che ha detto prima: che il trading proposto sarebbe semplicemente veicoli da gioco che avrebbero danneggiato l’industria.

Cantor Exchange Topper Richard Jaycobs e Trend Exchange Chief Robert Swagger ha ripetuto i rispettivi tiri che le improvvise paure dei detrattori contro B.O. Il trading futures è del tutto infondato. I reclami MPAA ’ s non sono supportati da alcun fatto, ” disse Jaycobs.

Inoltre, l’idea è stata l’esperta finanziaria Clark Hallren, amministratore delegato di Clear Scope Partners, che ha esaminato l’attuale ambiente in difficoltà del finanziamento del film. Ha detto che un prodotto di copertura fornirebbe agli investitori un metodo prezioso per gestire i rischi incoraggiando ulteriori opportunità di investimento. Uno dei grandi vantaggi sarebbe quello di aiutare le indie a raccogliere fondi, poiché il settore ha fatto un drubbing nella recessione economica e il pullback del credito disponibile.

Pisano di MPAA è stato rapido in disaccordo. “ sta dicendo che la coalizione che rappresenta il 90 percento dei produttori in questo paese si oppone a questa idea, ” Egli ha detto. “ Vi è una serie di ragioni per cui questo prodotto sintetico non ha aiutato a raccogliere capitale.” Ha detto che uno dei motivi del calo degli istituti finanziari che investono nei film è il danno causato da investimenti selvaggi e speculativi. “ non vogliamo portare quell’etica nel nostro settore. Questo è un prodotto alla ricerca di una soluzione che non esiste.”

Altri partecipanti al settore includevano Alice Neuhauser, preside della gestione completa dei diritti; Il vicepresidente di Lionsgate Michael Burns, che ha co-fondato la Borsa di Hollywood e successivamente ha venduto a Cantor; e avvocato/professore/consulente Schuyler Moore. Moore ripetute le affermazioni fatte durante le udienze del Congresso che gli studi si sarebbero rapidamente radunati attorno a B.O. trading futures perché porterebbe miliardi di dollari di finanziamenti nel settore.

Moore ha detto che gli studi sono “ in corto di film ogni volta che eseguono una transazione di finanziamento ardesia.” In effetti, ha detto, “ gli studi hanno corto di $ 14 miliardi di rischio di produzione negli ultimi 10 anni. Devono e lo faranno.” Ha detto “ What ’ sta guidando la loro paranoia è preoccupato che se un film monitora male sullo scambio, i teatri hanno vinto e il pubblico ha vinto il pubblico.” Lo ha definito un’idea totalmente priva di fondamento.

Gensler ha invitato le parti interessate a inviare ulteriori commenti sulla B.O. proposte di futures entro il 26 maggio.

Lascia un commento