Sauter: Riot TV “Godwful”

Il presidente della Fox News Van Gordon Sauter ha definito ieri “ Godawful ” L’esibizione dei punti vendita televisivi di Los Angeles all’indomani dell’anno scorso.UN. Rivolte.

Per una comunità che ha sperimentato la rivolta più significativa di questo paese di sempre, una città “ che si considera sull’orlo di un’implosione totale ” e con un sistema scolastico “ sull’orlo di un crollo cataclismico, ” Ha accusato le stazioni locali per l’assenza di documentari in prima serata e municipi, serie di notizie “ di conseguenza e serietà, ” Annunci e editoriali di servizio pubblico prodotto a livello locale.

Ma, sottolineato rapidamente Sauter, potresti anche visitare i mercati televisivi in tutto il paese e trovare la televisione locale che non risponde alle esigenze urbane urgenti dei nostri giorni.”

Le persone hanno un “ intervallo di memoria molto breve, ” enfatizzato Sauter, riferendosi alle rivolte. “ non è più un fattore nella nostra vita quotidiana.”

I suoi commenti sono arrivati durante un Assn nazionale. del pannello dei dirigenti del programma televisivo intitolato “ TV da L.A, ” durante il quale lui e gli altri hanno sottolineato che è stato fatto in TV per aiutare a combattere il razzismo.

Purtroppo, l’evento è stato scarsamente frequentato, forse in gran parte alla decisione di Natpe di programmarlo la mattina presto della conferenza dell’ultimo giorno.

“ Penso che la televisione di intrattenimento servirebbe il suo pubblico sia in termini di informazione che di intrattenimento se riflettesse una vasta gamma di sentimenti e realtà, ” Disse Sauter.

Tuttavia, non anticipa eventuali cambiamenti sostanziali nel contenuto di programmazione generale. Se qualcosa cambia, ha aggiunto, dovrà iniziare dal livello di notizie locali.

Quando c’erano un requisito applicato e la minaccia di punizione ” Alla fine ’ 70s, c’era “ molta più attenzione per l’assunzione e la promozione delle minoranze di quanto non ci sia oggi, ” Sauter mantenuto. Non era nemmeno la risposta a questo.

“ certamente abbiamo bisogno di un livello più elevato di impegno, coraggio e visione da parte della proprietà della televisione d’America, ” Disse Sauter. “ siamo stati serviti male.”

Tim Reid, produttore-produttore di attore, copresidente di United Image Entertainment, ha parlato del “ negozio chiuso ” che Hollywood è stato creativamente per le minoranze.

Inoltre, ha detto, ha lasciato la sua L.UN. Indirizzo per scelta e ora vive in una piccola comunità nel sud “ con persone che non si preoccupano davvero dei giorni notturni. … Queste sono le persone che sono le persone che questa stanza sta cercando di raggiungere.”

“ le persone sono cambiate, ” Ha detto, notando un senso di ottimismo.

Come operatori della televisione, “ stiamo ancora facendo le cose allo stesso modo. Le persone ci stanno cercando di raggiungerli, ” ha detto Reid.

“ televisione sta facendo la stessa cosa per 40 anni e continua a fare la stessa cosa, ” detto “ I ’ volerà via ” produttore esecutivo David Chase. Pensando alle sue esperienze con la sua serie NBC acclamata dalla critica ma rating, ha detto, “ forse in qualche modo l’America sta ottenendo la televisione che merita.”

Era la televisione, Chase accusata, che molto tempo fa “ ha creato queste brevi campeggi di attenzione.”

Quando gli è stato chiesto quando ha pensato di vedere un presidente ispanico, asiatico o afro-americano di una divisione di notizie di rete, Sauter ha risposto, “ non nella mia vita.”

Sauter chiamato Johnathan Rodgers, presidente della CBS O&OS, “ perfettamente competente ” per un tale lavoro ma ha affermato che forse lui ’ d piuttosto “ vai a gestire uno studio.” Al di fuori di Rodgers, tuttavia, Sauter ha dichiarato di essere ’ d “ essere duro ” pensare a chiunque altro nella pipeline tradizionale.

David Crippens, Senior Vice President of Educational Enterprises di KCET, affermava, “ dobbiamo mantenere l’equilibrio tra ciò che significa fare soldi e ciò che è buono per la società.”

Lascia un commento