Ruoli che rotolano via

Uno studio di SAG rivela che il numero di ruoli TV teatrali e di funzionalità disponibili per gli attori è diminuito per il terzo anno consecutivo, in calo del 17% dal 2000.

Il pugno uno-due della produzione in fuga e della reality TV continua a erodere la foto di Jobs, sebbene non così gravemente come negli ultimi anni, con un modesto 1.6% di declino complessivo in TV e ruoli dei membri teatrali nel 2003 nel 2002.

I dati del sondaggio sono stati raccolti dai produttori in conformità con l’accordo di contrattazione collettiva SAG. Sebbene non sia un calo così ripido come negli ultimi anni (considerando un 6.5% calo nel 2002 e un 9.3% tuffo nel 2001) Gran parte della perdita derivava dall’evaporazione di ruoli principali per i maschi asiatici e latini in prima serata, diminuendo rispettivamente il 35% e il 31% dal 2002 al 2003.

Una rete di alto rango che lancia il dirigente ha segnato il rallentamento delle perdite di posti di lavoro alla salute relativa dei drammi in prima serata. Con drammi procedurali che continuano a segnare con gli spettatori — tra cui edizioni multiple di “ CSI ” e “ legge & Ordine ” — Il numero di ruoli disponibili per le parti sembra essersi stabilizzato.

“ i ruoli sono principalmente nei drammi, ” ha detto il dirigente. “ e ora abbiamo più drammi che lavorano in aria, ci sono meno cancellazioni. Più drammi hai in onda, più parti avrai.”

Tuttavia, se il pendio disceso di u.S. I ruoli televisivi e teatrali sembrano essere livellati, le statistiche sull’occupazione rilasciate da SAG indicano ancora fortemente che gli attori stanno portando il peso di oggi alla tendenza di oggi verso la programmazione di più realtà e la produzione in fuga.

“ nel complesso, questi dati dovrebbero essere un campanello d’allarme per il settore, ” ha detto il presidente di SAG Melissa Gilbert. “ Siamo particolarmente preoccupati di notare il declino dei ruoli principali per gli attori maschili latini e asiatici. È stato chiaro per qualche tempo che la produzione di realtà e produzione in fuga stanno avendo un impatto negativo sul numero di opportunità disponibili per gli attori che lavorano. E sebbene abbiamo sicuramente visto alcuni segni incoraggianti in questi ultimi dati, in particolare per i nativi americani e gli afro-americani, per molti altri artisti la notizia non è altrettanto buona.”

I dati sull’occupazione sono stati compilati dai produttori che lavorano sotto i contratti televisivi e teatrali della Guild, in cui i datori di lavoro si impegnano a ritrarre realisticamente “ la scena americana.” Sebbene i dati non siano completi, vengono raccolti per sesso, gruppo di età ed etnia degli artisti del cast allo scopo di individuare le tendenze e le opportunità di miglioramento.

In particolare, i dati raccolti indicano che la percentuale di ruoli assegnati agli artisti caucasici è rimasta in gran parte stabile a 73.5% dal 2002 al 2003, mentre la percentuale di ruoli che è andata agli artisti di colore è diminuita da 24.Dal 2% a 23.5%. Tuttavia, la notizia non era tutta completamente desolata.

  • Gli artisti afroamericani hanno ottenuto ruoli in meno del 3% nel 2003 rispetto al 2002. Tuttavia, i loro 15.La quota del 3% dei ruoli supera il loro censimento riportato 12.8% di rappresentanza nella U.S. popolazione. Sebbene gli attori afro-americani abbiano ottenuto costantemente guadagni nei ruoli da protagonista, con un aumento di 64 lead maschili e 14 lead femminili nei dati del 2003 nel 2003, la loro quota di ruoli totali nel film è diminuita 23.09% dell’anno precedente. Questa diminuzione è stata guidata principalmente da un declino dei maschi afroamericani nei ruoli principali nel film, che ha immerso 35.12% dell’anno precedente.

  • Gli artisti latini sono stati lanciati in 10.5% in meno ruoli nel 2003. Questo 5.La quota del 4% di tutti i ruoli è molto al di sotto della comunità latina ’ s 13.Rappresentanza del 7% nell’U.S. popolazione. Il calo più notevole è stato tra i protagonisti maschili latini, che sono diminuiti del 31% nel 2003, principalmente nella televisione episodica. Un punto luminoso era un 2.Aumento del 4% nei ruoli di supporto per le latine.

  • Le isole asiatiche/del Pacifico rappresentano 3.8% della popolazione americana, ma continua a garantire solo 2.5% di tutti i ruoli TV/teatrali. I protagonisti asiatici maschili cast in televisione episodica sono stati più colpiti — in calo da 104 ruoli principali nei dati del 2002 a 61 nel 2003.

  • Complessivamente, i nativi americani erano l’unica categoria di artisti di minoranza a guadagnare terreno l’anno scorso. Nei dati del 2003, gli artisti nativi americani sono stati lanciati in 128 ruoli — un 40.Aumento del 7% rispetto al 2002 e#8212; con guadagni nel piombo maschile e femminile e dei ruoli di supporto.

Le donne continuano anche ad essere significativamente sottorappresentate in televisione e nei film. Durante la maggior parte degli americani, alle donne è stato assegnato solo il 38% dei ruoli scelti nel 2003, in linea con gli anni passati. Un punto luminoso è stato l’aumento di 215 ruoli di supporto nell’anno precedente. I dati del 2003 supportano anche l’idea che l’età è un ulteriore ostacolo alle opportunità per le attori femminili. Nel 2003, le donne oltre i 40 sono state lanciate solo nell’11% dei ruoli, mentre gli uomini oltre 40 hanno ottenuto il 25% dei ruoli cast.

“ Questa è una prova convincente che ciò che vediamo in televisione non è semplicemente l’America in cui viviamo oggi, ” Gilbert ha detto.

(Michael Schneider a Los Angeles ha contribuito a questo rapporto.)

Lascia un commento