Rapporto: B’Casters ha ingannato i POLS

Washington — Mentre le elezioni 2000 potrebbero essere state tortuose per la cittadinanza americana, ha portato alle stazioni televisive locali di $ 771 milioni in entrate pubblicitarie politiche, secondo uno studio pubblicato martedì dall’Alleanza per campagne migliori.

Gruppo Watchdog Accusato emittenti di “ Gouging ” candidati politici manipolando una regola FCC che impone alle emittenti di offrire annunci politici a un tasso scontata.

I ricavi degli annunci politici nel 2000 hanno aumentato il 50% o superiore a quello del 1996.

“ Le emittenti televisive stanno aumentando il costo della politica per il proprio profitto, ” detto direttore dirigente dell’alleanza Paul Taylor. “ Peggio ancora, lo stanno facendo con una preziosa risorsa pubblica affidata a loro, gratuitamente, a condizione che servano l’interesse pubblico.”

National Assn. del portavoce delle emittenti Dennis Wharton ha affermato che il rapporto è stato errato nelle sue conclusioni, dal momento che ha contato gli annunci acquistati da partiti politici e gruppi di emissioni di terze parti, come il National Rifle Assn.

“ qualsiasi suggerimento che le emittenti stiano schierando i candidati politici è falso. Stazioni addonano scrupolosamente alle regole FCC. La prova: che non vi è stato alcun reclamo presentato alla FCC su questo numero negli ultimi cinque anni, ” Wharton ha detto.

Il rapporto sull’alleanza si basava su uno studio di 16.000 annunci politici condotti su 10 stazioni locali lo scorso autunno, un’analisi complessiva delle 484 stazioni nei primi 75 mercati dei media e interviste con gli acquirenti di media di partiti politici.

Mentre la FCC sostiene tariffe scontate, i candidati politici spesso pagavano di più per garantire che i loro punti non sarebbero stati prevenuti, lo studio ha riscontrato. Di conseguenza, le stazioni hanno incoraggiato i candidati a pagare tariffe premium.

Lascia un commento