Politica agli Oscar: DAME ma non zoppa

A meno che tu non interpreti il concerto di hosting di James Franco.

Senza padroni di casa comici, mancava molto di qualsiasi umorismo topico. Salva per le categorie documentari, pochi nominati trasportavano un messaggio, anche l’eco-tema nell’anno scorso ’ S “ Avatar.”

Tuttavia, c’era un riferimento indiretto al Wisconsin e Gov. Lo sforzo di Scott Walker per porre fine alla contrattazione collettiva per i dipendenti dell’Unione governativo.

C’erano riferimenti al fatto che così tanti vincitori erano membri dei sindacati. Wally Pfister, vincitore della migliore cinematografia per “ Inception, ” ringraziato il suo equipaggio dell’Unione. “Penso che quello che sta succedendo in Wisconsin sia una specie di follia in questo momento,” Disse Pfister nel backstage, per notizie ABC. “Sono un membro dell’Unione per 30 anni e ciò che il sindacato mi ha dato è la sicurezza per la mia famiglia. Mi hanno dato assistenza sanitaria in un paese che non lo fa’t fornire assistenza sanitaria e penso che i sindacati siano una parte molto importante della classe media in America, tutto ciò che stiamo cercando di fare è ottenere un salario decente e avere cure mediche.”

Charles Ferguson, vincitore del miglior documentario per “ Inside Job, ” Informazioni sulla crisi finanziaria di Wall Street, ha iniziato il suo discorso di accettazione dicendo: “ perdonami, devo iniziare sottolineando che tre anni dopo un’orribile crisi finanziaria causata da una grande frode, non un singolo dirigente finanziario è andato in prigione e questo è sbagliato.” Era un punto fatto nel film — e che ha fatto in molte proiezioni e in molte interviste.

C’è stato anche un breve cameo del presidente Obama, in un segmento registrato in cui ha detto che la sua canzone del film preferita era “ col passare del tempo ” da “ Casablanca.” Il editorialista politico Dave Weigel ha twittato ironicamente, & #8220; Breaking: Dopo aver visto l’aspetto di Obama, GOP Defunds #Oscar.”

Un’apparizione all’Oscar di un comandante in capo seduto non è senza precedenti. Franklin d. Roosevelt si rivolse al banchetto degli Oscar Awards nel 1941 tramite una radio diretta di Washington. Ronald Reagan ha registrato un segmento per gli Oscar del 1981. Quella cerimonia che è stata ritardata per due giorni dopo che Reagan è stata girata in un tentativo di assassinio.

Negli ultimi mesi “ The King Speech ” ha suscitato un dibattito sull’accuratezza storica, ma è probabile che anche la sua vittoria per il miglior film si concentri sulla decisione del governo britannico di ascettare il Consiglio cinematografico del Regno Unito, che ha parzialmente finanziato il film, come parte delle misure di austerità.

Le recensioni? Strategra politico repubblicano Mike Murphy, via Twitter: “ doloroso Oscar Show. L’anno prossimo, prova Mubarak. È disponibile.”

Lascia un commento