Oz scivola nella guerra del disco

Gold Coast, Queensland —.50) ciascuno.

Quando è andata in quel mercato per la prima volta a gennaio, solo due bancarelle offrivano dischi e stavano caricando $ 17.50- $ 28; Le forze di mercato sono chiaramente al lavoro nel frattempo.

Pecotico, direttore esecutivo della Federazione australiana contro il furto di copyright, ha mostrato foto di quel mercato giovedì all’Inter australiano. Convenzione cinematografica per dimostrare quanta pirateria video ha infiltrato per sobborghi oz.

Pecotico ha identificato due problemi principali: mancanza di applicazione della polizia e ampia ignoranza tra il pubblico che l’acquisto di un DVD contraffatto o il download di un film è un crimine.

“ La polizia vittoriana dice (pirateria) è coperta dalla polizia federale e non hanno risorse sufficienti per affrontarla, ma stiamo lavorando con la polizia vittoriana e spero che l’azione sarà imminente, &#8221 ; lei disse Varietà quotidiana.

Crede che due importanti sindacati criminali siano responsabili dell’alto livello di pirateria a Melbourne.

Il diciotto percento degli utenti a banda larga in Australia ha scaricato film, ha detto Pecotic, citando un Assn cinematografico. sondaggio.

Sul fronte educativo, un trailer di antipirazia suona su 2.000 schermi in basso, e Pecotic ha detto Oz TV Nets Seven, MTV, The Movie Network e Disney Channel hanno accettato di eseguirlo, così come la compagnia aerea Qantas.

Pecotic ha anche annunciato al Confab giovedì che Hoyts Cinemas ha accettato di promuovere la consapevolezza dell’antipirazia tra clienti e personale del cinema, tra cui l’offerta di premi a clienti e personale per denunciare l’attività di pirateria.

“ questa è un’iniziativa entusiasmante e un grande passo avanti, ” lei disse. “ Hoyts riconosce la necessità di essere proattivi nell’affrontare la pirateria del film e non vediamo l’ora di lavorare con loro.

“ combinando l’educazione con un programma di ricompensa, questo sforzo supporterà gli attuali sforzi di applicazione modellando il personale e gli atteggiamenti dei consumatori nel futuro.”

Pecotico ha detto Varietà quotidiana La Federazione lancerà presto un contenzioso civile per la prima volta contro gli importatori paralleli (in genere, i video che importano DVD, bypassing di una distribuzione autorizzata).

Calcola che la pirateria costa australiano $ 140 milioni all’anno, comprese perdite indirette come meno popcorn vendute nei cinema perché molte persone stanno ricevendo film con altri mezzi.

La Malesia rimane una fonte principale di video illeciti. L’MPA stima che il 53% dei dischi piratati del paese sia spedito alla U.S., 22% a Oz e il 10% alla U.K.

La convention si svolge domenica al Royal Pines Resort.

Lascia un commento