Napster si schianta

L’industria discografica ha ottenuto una grande vittoria lunedì contro il servizio di condivisione dei file e la musica Biz Nemesis Napster quando una corte di ricorso federale ha confermato un’ingiunzione e ha affermato gli argomenti del settore secondo cui la società è impegnata nella violazione del copyright. La decisione è potenzialmente fatale per Napster.

In un’opinione di 58 pagine, il nono u.S. Circuit Court of Appeals ha confermato in gran parte un’ingiunzione preliminare contro Napster concessa da U.S. Il giudice del tribunale distrettuale Marilyn Patel a luglio, dichiarando, “ il tribunale distrettuale ha correttamente riconosciuto che un’ingiunzione preliminare contro la partecipazione di Napster alla violazione del copyright non è solo giustificata ma richiesta.”

L’ingiunzione di Patel, che è stata sostenuta dal 9 ° Circuito durante l’appello, non entrerà in vigore fino a quando Patel non modifica il suo ordine precedente di conformarsi con il 9 ° Circuito.

Entro un’ora dalla sentenza, l’industria discografica Assn. d’America ha applaudito la decisione della Corte e ha esortato Napster ad accettare la decisione senza combattere.

“ è il momento di Napster di risalire e costruire la propria attività al vecchio stile — Cercando prima il permesso, ” ha detto Riaa Prexy-CEO Hilary Rosen, che era accompagnato da diversi membri della squadra legale/lobbying di Org#8217; che si è ampliata nelle ultime settimane per includere l’ex Sen. Bob Dole. “ Chiedo a Napster a lavorare al riguardo.”

Appello pianificato

L’avvocato difensore David Boies ha affermato che Napster prevede di richiedere che il complemento completo dei giudici del 9 ° Circuito si riunirà per rivedere il parere del gruppo.

“ Non saremmo d’accordo con il ritenuta che se Napster fosse imponeta che il danno sarebbe speculativo, ” Egli ha detto. “ pensiamo che il danno agli utenti di Napster e Napster sarebbe molto reale e molto sostanziale.”

L’opinione è stata vista come una benedizione mista per la preoccupazione dei media tedeschi Bertelsmann, che in ottobre ha annunciato una joint venture con Napster per sviluppare un’alternativa legale e legale all’attuale servizio Internet della Società.

BMG in una dichiarazione sulla sentenza ha sostenuto che “ rimane impegnato nello sviluppo di servizi di condivisione di file sicuri che compensano i nostri artisti e altri titolari di diritti.”

Un dirigente del settore ha detto: “ le persone di BMG sono terribilmente intelligenti e sono sicuro che lo hanno anticipato. Hanno cercato di anticipare come converti l’enorme prestigio del nome Napster in un nuovo modello che sarebbe legale; ora sarebbe il momento in cui avrebbero iniziato a lavorarci.”

L’amministratore delegato di Napster Hank Barry ha riconosciuto che la sentenza della corte d’appello era una sostanziale battuta d’arresto per la società, ma ha sostenuto che l’industria sta perseguitando la propria base di clienti a suo rischio.

“ i membri della comunità di Napster acquistano molti più CD rispetto ad altre persone, ” ha sostenuto. “ ancora, le più grandi e di maggior successo le società di media al mondo hanno preso di mira a Napster oltre 50 milioni di utenti e oggi hanno colpito un colpo.”

NOT ‘ Fair Use ’

Nella sua decisione, il pannello a tre giudici si è schierata con il settore della registrazione ASSN. dell’America e hanno rifiutato numerose difese legali di Napster, incluso l’affermazione che il servizio, che consente lo scambio online dei file musicali, è A “ Fair Use ” Ai sensi delle leggi sul copyright.

In gran parte, il 9 ° Circuito concordò con il ragionamento di Patel che la RIAA, che rappresenta le principali distribuzioni — Sony, Universal, BMG, EMI e Warner Music Group — Probabilmente prevarrà le sue affermazioni secondo cui Napster è un infarring che contribuisce perché esegue un servizio che consente consapevolmente lo scambio non autorizzato di file protetti da copyright.

La corte d’appello si è separata da Patel solo nell’ambito della sua ingiunzione preliminare, dichiarando che era “ OverBoad perché pone su Napster l’intero onere di garantire che il no ‘ copia, scarica, caricando, trasmette, trasmette, o distribuzione ’ di querelanti ’ Opere si verificano sul sistema.”

Robert Schwartz, un avvocato di copyright a O ’ Melveny & Myers che rappresenta gli studi in simili questioni di copyright, ha detto, “ è una straordinaria opinione. È un rifiuto all’ingrosso di argomenti legali inventati di Napster.”

Il 9 ° Circuito ha stabilito che le società di registrazione e gli editori devono informare Napster di avere opere protette da copyright sul suo sistema prima che Napster fosse tenuto a disabilitare l’accesso al contenuto offensivo. Il tribunale ha aggiunto che Napster ha anche l’onere di sorvegliare il sistema.

In passato, Napster ha sostenuto che non è in grado di bloccare i file offensivi senza smantellare l’intero sistema. Il tribunale ha respinto tale affermazione, sostenendo che Napster “ ha la possibilità di individuare il materiale in violazione elencato negli indici di ricerca e il diritto di interrompere gli utenti ’ Accesso al sistema.”

Boies ha preso conforto nel fatto che i giudici hanno affermato che Napster deve bloccare solo i file in violazione “ nei limiti del loro sistema, ” implicando che la società non deve alterare la struttura fondamentale della sua tecnologia per conformarsi alla legge.

Gli avvocati sono contenti

La decisione del 9 ° Circuito ha attirato rave dagli avvocati del copyright. Ha detto Lon Sobel, redattore del reporter di Entertainment Law, “ Il 9 ° Circuito ha ottenuto esattamente bene. L’opinione è una semplice applicazione di principi non controversi della legge sul copyright. Non lo discute di uno whit dal precedente sia qui nel 9 ° circuito che a livello nazionale.”

Il prossimo passo nel caso è che Patel modificherà la sua ingiunzione. A quel punto, le etichette discografiche e gli editori di musica darà a Napster.

L’opinione non è chiaro se l’avviso debba semplicemente elencare il titolo della canzone — un lavoro relativamente semplice per l’industria discografica — o elenca il file napster, un’impresa più ardua.

Una band che ha già rimosso la sua musica da Napster è Hard Rockers Metallica. In una dichiarazione, ha detto la band, “ non abbiamo mai obiettato alla tecnologia, a Internet o alla distribuzione digitale della musica. Tutto ciò che abbiamo mai chiesto è che gli artisti siano in grado di controllare come, quando e in quale forma la loro creatività è distribuita attraverso questi canali. Questo è qualcosa che Napster ha continuamente rifiutato di fare. Ora il tribunale ha preso quella decisione per loro.”

Ad aprile, Metallica e Dr. Dre ha intentato cause separate del copyright presso il tribunale federale di Los Angeles. La tuta ha fatto notizia quando il batterista Lars Ulrich e l’avvocato Howard King si sono consegnati a mano a Napster un elenco contenente i nomi dello schermo di 335.435 persone che hanno scambiato le registrazioni della band per due giorni. In risposta, Napster ha temporaneamente bloccato quegli utenti dal suo servizio.

Il metallica e il dottore. I casi di dre furono successivamente consolidati con la causa RIAA contro Napster, sebbene non facessero parte del ricorso. Ora che il caso di RIAA è stato rispedito al tribunale, tutti i casi saranno gestiti insieme.

Non influenzati dalla sentenza sono emergenti artisti e servizi di chat room di Napster. La maggior parte della sua popolarità, tuttavia, si basa sulla capacità di fornire l’accesso a melodie di successo protette da copyright. Si è vantata di avere una base di utenti di oltre 22 milioni di persone.

Napster ha anche la possibilità di cercare una prova nel 9 ° circuito, inclusa un’audizione davanti a un pannello più grande. Tali prove sono raramente concesse, specialmente dove, come qui, la decisione è stata unanime.

Napster può anche tentare di cercare un’audizione in u.S. Corte Suprema. In mancanza di successo nei tribunali d’appello, il caso risale a Patel per il processo presso il tribunale distrettuale entro la fine dell’anno.

Napster ha anche indicato che esorterà il Congresso a mettersi in gioco e apportare modifiche alle leggi sul copyright.

La causa di Napster ha ricevuto un’attenzione senza precedenti per un caso di proprietà intellettuale perché solleva questioni fondamentali sull’ambito della legge sul copyright e sul futuro della musica digitale. È stato originariamente depositato dalla RIAA l’anno scorso presso il tribunale federale di San Francisco.

La RIAA ha cercato un’ingiunzione preliminare contro Napster, sostenendo che il servizio ha violato i diritti d’autore delle sue società membri e ha causato danni irreparabili. Patel si schierò interamente con il RIAA ed entrò in un’ingiunzione. Ore dopo, il tribunale d’appello è rimasto l’ingiunzione in attesa di un ricorso.

(Pamela McClintock a Washington, D.C., ha contribuito a questo rapporto.)

Lascia un commento