Murdoch crolla mentre i rivali aumentano

New York — In un momento in cui l’intrattenimento è caldo a Wall Street, Rupert Murdoch rimane al freddo.

Nei due mesi successivi a News Corp di Murdoch. venduto una partecipazione del 19% in Fox Entertainment Group al pubblico in $ 2.8 miliardi di offerte pubbliche iniziali, i prezzi delle azioni dei suoi quattro rivali dello spettacolo — Time Warner, Walt Disney Co., Viacom e Universal Studios Parent Seagram Co. — sono aumentati di circa il 25% (Viacom è l’unico breakout, in crescita del 29% rispetto ai suoi massimi di $ 79.31 venerdì).

News Corp. e la volpe, al contrario, hanno entrambi perso terreno. News Corp. è diminuito dell’11% mentre Fox è sceso del 4% (tutti i prezzi delle azioni misurati dal primo giorno di negoziazione di Fox. 11 a venerdì, poiché il mercato non era aperto lunedì).

La tendenza è stata altrettanto chiara la scorsa settimana, quando il settore dello spettacolo ha sovraperformato drammaticamente il resto del mercato. In una settimana in cui la media industriale di Dow Jones è scesa di circa 300 punti o 3.1%, per chiudere a 9.340 punti, la Disney è aumentata del 10% a $ 36, Viacom e Seagram sono aumentati di circa il 6% (quest’ultimo chiude a $ 42.81) e Time Warner è aumentato 1.5% a $ 61.81. News Corp., Nel frattempo, è sceso del 5% per chiudere venerdì a $ 25.12 e Fox è sceso del 3% a $ 23.62.

Fox Stock sottovalutato?

La performance relativa dei prezzi sta rafforzando le opinioni di alcuni analisti che credono che News Corp. e la volpe sono estremamente economiche rispetto alle altre società di showbiz, la maggior parte delle quali scambiano valutazioni storicamente elevate.

Fox è “ il mio stock preferito, ” Ha detto l’analista di Merrill Lynch Jessica Reif Cohen, aggiungendo che ha le migliori prospettive di crescita ma è il più economico tra le principali aziende di intrattenimento.

“ (Fox) è relativamente più economico ora di due mesi fa. Sta diventando molto interessante, ” Lehman Bros. Ha detto l’analista Larry Petrella.

Gli analisti si scontrano sul perché le aziende di Murdoch sembrano così per favore. La maggior parte dei Wall Streeers crede alle notizie ’ e i prezzi delle azioni deboli di Fox riflettono le preoccupazioni sulla tendenza di Murdoch di fare acquisizioni costose e schizzinose, domande sui potenziali clienti per le attività cinematografiche e televisive della società, nonché le aziende ’ scarso sforzo delle relazioni con gli investitori.

Arroganza di Fox ’

Diversi analisti hanno affermato che News Corp. sconvolta molti investitori all’inizio di dicembre quando ha annullato un’apparizione pianificata all’annuale Conferenza media di Paine Webber a Gotham, citando un conflitto di programmazione.

Questo tipo di comportamento ha un grande impatto, hanno detto alcuni Wall Street. News Corp. ha storicamente messo in pollice il naso sia a Wall Street che ai media in un modo che la maggior parte delle altre aziende di showbiz non ha.

Come ha detto l’analista di Montgomery Nationsbanc Securities John Tinker in un rapporto il mese scorso, News Corp.’ s “ la mancanza di guida per Wall Street potrebbe avere un impatto negativo ” sulla sua performance azionaria.

Il rapporto di Tinker è stato notevole perché è stato pubblicato in coincidenza con l’IPO di Fox, che è stato parzialmente sottoscritto da Montgomery. In un’azione estremamente insolita, Tinker ha comunque messo a “ Hold ” su Fox anziché esortare gli investitori ad acquistare (anche se Tinker ha messo contemporaneamente un “ acquista ” su News Corp.).

Trovare successi come ‘ Titanic ’

La valutazione tintinnante di Tinker su Fox riflette alcune preoccupazioni a Wall Street. Ha osservato che “ potrebbe essere impegnativo ” Per la Fox del 20 ° secolo per duplicare i forti profitti che ha sperimentato nell’anno fiscale 1997 e 1998 che sono stati guidati da foto di successo “ Titanic ” e “ Giorno dell’Indipendenza.”

In effetti, Tinker prevedeva che Fox avrebbe dovuto fare una cancellazione su “ The Siege ” Nel trimestre di dicembre.

Murdoch, tendenza a fare “ scommesse relativamente grandi ” in acquisizioni è stato anche citato come rischio da parte di Tinker.

Merrill Lynch, sottoscrittore di piombo, Lynch era molto più positivo. L’unico negativo citato da Reif Cohen nel suo rapporto pubblicato in quel momento era una preoccupazione per il mercato degli annunci televisivi, che colpisce il gruppo di stazioni TV di Fox. Ma Reif Cohen ha detto lunedì che “ il business ha raccolto, ” e la pubblicità non era più un problema.

Reif Cohen ha ammesso che Fox potrebbe finire per acquistare EMI ma ha detto che è l’unica grande acquisizione che la società potrebbe fare. Ha detto News Corp. sarà il veicolo utilizzato da Murdoch per qualsiasi altra offerta.

News Corp. lieto

News Corp. ha rifiutato il commento sul suo prezzo delle azioni o quello di Fox. Ma il funzionario operatorio capo delle notizie Peter Chernin ha dichiarato alla conferenza di Salomon Barney Media di Salomon Smith Barney che le compagnie erano “ sull’obiettivo per soddisfare o superare le aspettative.”

La maggior parte delle altre principali aziende di showbiz affrontano le proprie sfide, in particolare la casa del topo. Il aumento delle azioni della Disney la scorsa settimana è stato l’inizio di un recupero da un lungo crollo che alcuni analisti pensano non siano ancora finiti.

Di recente la scorsa settimana, Reif Cohen e Schroder di Merrill & Co. L’analista David Londoner ha entrambi tagliato le loro stime per il trimestre di dicembre, citando profitti inferiori al previsto dalla divisione Creative Content di Disney, che ospita lo studio cinematografico.

Web del mouse

Tuttavia, la Disney ha ottenuto un passaggio dal suo lancio della rete Go in una settimana in cui le azioni Internet hanno continuato il loro rally da record. Ing Baring Furman Selz Analista Stewart Halpern, che ha promosso la Disney per il suo ruolo di giocatore Internet più a lungo della maggior parte dei Wall Street, ha detto agli investitori la scorsa settimana che le azioni potrebbero salire fino a $ 45, in base alle attuali valutazioni di mercato delle società Internet.

Il rally di Seagram si è verificato nonostante le domande sulla divisione cinematografica di Universal e l’incertezza sull’integrazione della compagnia del Polygram Music Group. E a Time Warner, dove il suo lungo rally potrebbe arrivare a una fine temporanea, almeno alcuni analisti temono che la crescita del flusso di cassa del sistema via cavo potrebbe rallentare quest’anno.

Viacom sembra ricevere un passaggio dai segnali in crescita che il suo spin -off del blockbuster della catena di noleggio video avverrà sicuramente quest’anno, un punto rafforzato dal presidente del Viacom Sumner Redstone alla Conferenza di Smith Barney la scorsa settimana.

Lascia un commento