Marcia Gay Harden su Shailene Woodley in “The Descendants”

“ Nel 2005 ho avuto il grande onore di suonare la madre di Shailene Woodley in ‘ Felicity: An American Girl Adventure.’ Sono stato immediatamente colpito dalla sua etica del lavoro, sia dentro che fuori set. Qui c’era una ragazza che incarnava perfettamente un’era coloniale, danza da minuet, equitazione a cavallo ribelle. Anche allora, stava lavorando con una profondità e un calibro che la separavano da così tanti altri attori. In effetti, è stata un’ispirazione per tutto il suo cast.

Non sorprende che guardare lo shailene naviga nelle acque turbolente di ‘ i discendenti ’ era di nuovo avvincente. Ha il compito di essere allo stesso tempo emotivamente vulnerabile e cruda, eppure in qualche modo protetta e cinica nello stesso momento. Shailene è ispiratore, rifiutando di ricadere sul cliché o sulla vanità, ma ci delizia con la sua rabbia onesta, il suo umorismo inaspettato e il suo rottura sconvolgentemente crudo. Lei non ci chiede di apprezzarla, ma nel rivelare la verità del suo abbandono e la sua delusione per sua madre, ci permette di identificarci con tutte le nostre figlie e di strapparli nei nostri cuori mentre li guardiamo crescere. Shailene, come una delle tue tante mamme, grazie per avermi insegnato lezioni preziose mentre ti guardo crescere.”

Torna all’anteprima SAG

Lascia un commento