Loews giù, fuori

Loews Cineplex Entertainment, il no. 2 u.S. Expla e più grande circuito quotato in borsa, presentato per la riorganizzazione fallimentare giovedì con un accordo preconfezionato che darebbe un gruppo guidato dall’uomo d’affari canadese Gerald Schwartz una partecipazione dell’88% per un seminterrato di $ 250 milioni..

Lasciato fuori al freddo dal piano — che converte le partecipazioni del debito degli investitori in New Equity — sono Sony e Universal Studios.

Sony e U Hold loews stakes di circa il 40% e il 26%, rispettivamente. Ma è improbabile che gli attuali azionisti mantengano qualsiasi equità Loews se sono approvati i termini del capitolo 11.

A parte la sua perdita di una partecipazione nel circuito, Sony prevede di subire solo un piccolo successo finanziario dallo sviluppo — meno di $ 5 milioni — Mentre Conglom ha preso $ 212 milioni in Writeoff Loews l’anno scorso.

Riduzione della proprietà

Sony ha acquisito una quota di loews nei cinema nel 1989 insieme a Columbia Pictures. Le sue partecipazioni nel circuito una volta hanno superato $ 600 milioni, ma Sony ha ricevuto un pagamento in contanti di $ 417 milioni quando Loews si è fuso con Cineplex Odeon nel 1998.

Anava almeno $ 75 milioni in Cineplex Odeon con sede a Toronto negli anni ’80 e altri 85 milioni di dollari al momento della fusione. Lo studio ha conquistato alcune writedne sui suoi investimenti espositivi nel corso degli anni, ma non vi è stata alcuna indicazione immediata se gli ultimi sviluppi di Loews stimoleranno un ulteriore addebito per gli utili per il genitore vivendi universale.

Loews e Cineplex Odeon si sono uniti in mezzo alla mostra per la rapida espansione e la costruzione di megaplex, ma la campagna di crescita ha accumulato enormi debiti su Loews e altre mostre, e il risultato è stato una serie di dichiarazioni di fallimento nell’ultimo anno mentre i circuiti lottano per ristrutturare le finanze ristrutturate.

Ci sono stati anche un recente aumento degli sforzi per chiudere le proprietà più anziane, per perdere denaro e Loews ha ribadito i piani per chiudere più di 100 siti, quasi il 25% del suo circuito, nel prossimo futuro. Per cominciare, la società ha identificato 21 U.S. Proprietà e 25 in Canada si chiuderà immediatamente e per le quali cercherà il permesso di annullare i contratti di locazione.

Il piano di fallimento del gruppo degli investitori, guidato da Onex Conglom di Schwartz.S. Tribunale fallimentare a New York e in Ontario Superior Court in Canada. Partecipano anche al gruppo guidato da Onex sono Pacific Capital, una società di investimento guidata dall’imprenditore di fibre ottiche Gary Winnick e Oaktree Capital, un fondo di avvoltoi.

Giocatore secondario

Un gruppo separato che detiene un debito Loews non garantito otterrebbe una partecipazione del 12% nella società ai sensi del piano, con l’opportunità di conversioni di mandato potenzialmente aumentando un po ‘quella partecipazione. Le partecipazioni di quel gruppo comprendono alla fine la flottazione pubblica della società, il che significa che la parte delle azioni della società che sono quotate in pubblico probabilmente diminuiranno dall’attuale 26% a circa il 12% di circa il 12%.

Si prevede che gli azionisti di Sony, U e altri loews riceveranno warrant per il potenziale accumulo di azioni in un loews cineplex riorganizzato. Ma i termini proposti non sono considerati favorevoli alla conversione e probabilmente comporterà solo un modesto compensazione per gli azionisti attuali.

Nel frattempo, la portavoce di Loews Mindy Tucker ha affermato che la società continuerà a operare sotto l’attuale direzione dalla sua sede a New York e Toronto.

“ Il nostro senso è che il gruppo degli investitori è molto soddisfatto del gruppo di gestione, ” Disse Tucker.

Un portavoce di Onex ha concordato.

“ La nostra intenzione in questo momento è lavorare con l’attuale direzione, ” Il portavoce Tim Duncanson ha detto. “ We ’ siamo molto entusiasti della qualità della gestione dell’azienda.”

Il CEO di Loews Lawrence Ruisi ha sede a New York, insieme alla prexy nordamericana Travis Reid. Allen Karp, Presidente-CEO di Canadian Subsplex Odeon, ha sede a Toronto.

“ riteniamo che le azioni che stiamo intraprendendo oggi consentiranno all’azienda di andare avanti come un’entità forte e ben capitalizzata con sponsor eccellenti in un momento in cui molti dei nostri concorrenti nell’industria della mostra cinematografica nordamericana stanno vivendo gravi vincoli finanziari , ” Ruisi ha detto in una nota. “ La transazione proposta e le relative fasi di ristrutturazione offrono l’opportunità di risolvere i nostri problemi di liquidità e altre questioni derivanti dall’eccessivo offerta di schermi teatrali in tutto il settore.”

Schwartz ha detto: Loews “ ha beni molto interessanti in termini di alta qualità dei suoi teatri e delle loro importanti località del mercato dei maggiori. Siamo entusiasti dell’opportunità di possedere queste risorse e di lavorare con il management per posizionare questa azienda come espositore preminente nel settore.”

Ruisi ha dichiarato di non aspettarsi un impatto sulle operazioni di Loews se Sony e U escono come azionisti nella società. “ da un punto di vista operativo, non vedo davvero eventuali modifiche. Penso che sia il business come al solito.”

Outlook digitali

Alcuni osservatori hanno suggerito che i nuovi proprietari dell’azienda possono accelerare l’introduzione della proiezione digitale ai teatri di Loews, mentre Winnick controlla il Networker Fiber-Optics Global Crossing di Pacific.

La speculazione è simile a quella dopo altre recenti ristrutturazioni di mostra. Tali situazioni includono l’acquisizione di artisti uniti e l’acquisizione pianificata di una partecipazione nei teatri di Edwards di Philip Anschutz, che controlla la società di fibre ottiche delle comunicazioni QWest e ha avviato colloqui per i cinema regale. Inoltre, il sostenitore del cinema digitale Madstone Films ha fatto un’offerta per i cinema d’argento.

“ il coinvolgimento proposto da Winnick suggerisce che il cinema digitale potrebbe arrivare prima piuttosto che dopo, ” Ha detto l’analista David Davis, senior Veep della società di investimento Houlihan, Lokey, Howard & Zukin a Los Angeles. “ Il cinema digitale trarrebbe anche beneficio dal consolidamento (in generale) nel settore espositivo, a causa delle tasche profonde necessarie per finanziare l’installazione della proiezione digitale.”

Onex è un stakeholder del 21% nella Galaxy Entertainment con sede a Toronto, che gestisce un circuito nascosto in mercati canadesi da piccolo a medio.

Prima delle chiusure teatrali annunciate, Loews ha gestito 365 sale con 2.965 schermi nella U.S., e 114 teatri e 856 schermi in Canada. La mostra gestisce anche alcuni teatri europei, ma ha annunciato la chiusura di un sito in Austria e ha messo in revisione la sua sede in Polonia per una possibile chiusura.

NO. 1 u.S. I cinema regale espositivi gestiscono 375 sale con 4.219 schermi, ma ha anche indicato che prevede di chiudere dozzine di proprietà.

La negoziazione delle azioni Loews è stata interrotta mercoledì mattina prima del rilascio di un annuncio della lettera di intenti di intenti e di riorganizzazione relativa al gruppo Onex Group. Lo stock era aumentato 4¢ a 39¢.

Le azioni Loews hanno perso il 91% del loro valore nell’ultimo anno.

Lascia un commento