Leone si allinea per il pagamento della causa

MGM potrebbe essere in linea per una manna significativa dopo aver scambiato il contenzioso con un’unità del colosso assicurativo AIG che ha cercato senza successo di far cadere la copertura dello studio a causa di una lotta giudiziaria di 3 anni sui diritti del film di James Bond.

In una causa presentata a Los Angeles Superior Court, American Intl. L’assicurazione delle linee speciali ha affermato che il leone avrebbe dovuto rivelare il potenziale per la cattiva litigio dei diritti con lo scrittore Kevin McClory e chiedere il permesso del tribunale per revocare un $ 50 milioni “ errori e omissioni ” Politica efficace per la sua data di inizio di giugno 1997.

MGM — che alla fine ha prevalso nella disputa sui diritti 007 — ha detto che non era in tale obbligo e ha contrastato per $ 7 milioni in costi di difesa più danni punitivi.

All’inizio di quest’anno, il tribunale ha respinto il tentativo dell’assicuratore di annullare la sua copertura e un processo è stato saltato per iniziare alla fine di questo mese sul tentativo di MGM di raccogliere “ BAD FEIDE ” danni dal suo assicuratore. Ma il giudice Peter Lichtman ha ordinato alle parti prima di incontrarsi a settembre. 13 Nel tentativo di raggiungere un accordo ed evitare ulteriori procedimenti giudiziari.

Danni sostanziali

“ in base alle sue precedenti sentenze, ci sono buone probabilità che il tribunale possa assegnare sostanziali danni punitivi, ” ha detto il co-consulente di MGM William Shernoff di Shernoff Bidart con sede a Claremont & Darras.

Shernoff, specializzato in casi di cattiva fede che coinvolgono richieste assicurative, ha rifiutato di stimare potenziali danni punitivi. Ma credeva che i danni da 8217 potessero andare da diversi milioni di dollari a ben oltre $ 100 milioni, a seconda che MGM sia autorizzato a chiedere danni da AIG o semplicemente la sua unità internazionale americana molto più piccola.

American Intl. è rappresentato da Lewis, Brisbois, Bisgaard & Smith di Los Angeles. Il partner dello studio legale Robert Lewis ha rifiutato il commento sul caso.

Lascia un commento