Le reti canadesi cercano il rimborso fiscale

Le principali reti televisive Canuck private hanno annunciato giovedì di aver chiesto alla Corte federale degli appelli di costringere il governo a pagare le ragnatele più di $ 790 milioni ($ 672 milioni).

Il pagamento compenserebbe le emittenti per le tasse che hanno pagato negli ultimi otto anni.

La mossa segue una decisione del tribunale il mese scorso in cui il giudice federale Michel J. Shore ha stabilito che le spese di licenza che le emittenti pagano il governo canadese costituiscono un’imposta illegale.

Le reti pagavano più di $ 85 milioni all’anno in commissioni di licenza. Le commissioni, riscosse dal regolatore di trasmissione The Canadian Radio-Television & Commissione per le telecomunicazioni, vai nelle casse del governo generale.

Le commissioni sono al di sopra dei pagamenti regolari che le reti effettuano al CRTC per coprire i costi di regolamentazione del settore.

“ chiediamo alla Corte d’Appello Federale di portare i risultati di Justice Shore alla loro logica conclusione e di ordinare il ritorno dei soldi pagati sotto protesta dal 1998, ” ha detto Glenn O ’ Farrell, CEO del Canadian Assn. di emittenti.

Nella sua decisione del mese scorso, ha osservato il giudice Shore, “ uno dei principi più fondamentali della legge canadese è che le tasse devono essere riscosse solo con l’autorità del parlamento.”

Il CRTC non è autorizzato a riscuotere le tasse ai sensi della legge attuale in Canada.

Lascia un commento