Le città catalane creano zone di pirateria

In un segno della Spagna a volte sorprendente per la pirateria, due regioni in Catalogna hanno suggerito zone senza penalità per bootlegger.

I sindaci delle località balneare El Vendrell e Calafell, a sud di Barcellona, affermano di non avere semplicemente il muscolo di applicazione per rintracciare le orde di venditori ambulanti.

Quindi hanno suggerito il bootlegger — per lo più immigrati illegali che si occupano di tutto, dalle false borse Prada ai DVD piratati di film di Hollywood — spostarsi dal centro centrale ai distretti periferici dove saranno lasciati soli dalla polizia municipale.

“ Negli ultimi tre anni siamo stati invasi da venditori stradali illegali. I ’ non sono sicuro che ciò che facciamo in modo legale è legale ma è buon senso, ” ha detto il sindaco di Calafell Jordi Sanchez.

La reazione iniziale del governo catalano è stata a doppio taglio. Joan Saura, ministro degli interni, è citato dicendo che la misura era ragionevole per evitare conflitti. Ma ha detto che le forze di polizia regionali catalane avrebbero continuato ad arrestare i bootlegger.

L’iniziativa ha suscitato indignazione in molti altri comuni catalani e la stampa locale, molti dei quali è di proprietà di congloms con interessi cinematografici e televisivi.

“ La cosa più ragionevole sarebbe quella di applicare la legge, invece di mettere le vendite illegali di strada e il commercio legale su un piano di parità, ” ha detto un editoriale in El periodico, di proprietà del gruppo Zeta Spagna.

Lascia un commento