La produzione di produzione potrebbe essere sollevata nella regione

Hong Kong — Un rapido rimbalzo al suo periodo di massimo splendore della produzione potrebbe essere troppo per sperare per sperare l’industria cinematografica di Hong Kong, ma potrebbe essere sufficiente un aumento graduale. Afflitto dalla caduta dei numeri di produzione — 92 l’anno scorso, in calo rispetto a 133 dell’anno precedente e 234 al suo picco — Una tendenza promettente dovrebbe illuminare l’oscurità in bilico sull’industria.

Una serie di nuovi arrivati o relativi start up introdurrà le loro prime liste cinematografiche quest’anno; E almeno un pilastro sta raddoppiando il numero delle sue produzioni. “ A questo punto del prossimo anno, vediamo un flusso di film più grande, ” dice Bob Vallone, direttore generale di UA Cinemas. “ le persone vogliono fare più film.” E si prevede che più film nei cinema non solo genereranno una scelta maggiore, ma migliori.

Fortune Star, il braccio del film con sede a Hong Kong che cade sotto il gruppo Star Murdoch di Rupert Murdoch, prevede di annunciare fino a quattro film al Festival di Cannes, con due film che dovrebbero iniziare la produzione entro la fine di quest’anno.

“ Avevamo intenzione di farlo lo scorso autunno, ” Dice Peter Poon, direttore generale di Fortune Star, che produce anche prodotti televisivi e diretti a DVD. “ ma volevamo solo avere gli script giusti in mano.”

I film d’azione, data la popolarità del genere, costituiranno probabilmente gran parte dell’ardesia.

Celestial Pictures, la società con sede a Hong Kong supportata dal gruppo di media malesi Usaha Tegas, è anche pronto ad annunciare la sua prima lista di film a Cannes. The World Premier del suo primo film, Chinese Production “ Cala, My Dog, ” Proiettato al Berlin International Film Festival e il resto della sua lista presenterà un mix di film, alcuni relativi alla sua enorme biblioteca di Shaw Brothers.

“ i remake hanno il riconoscimento del marchio e il mercato è già stato testato, ” Spiega William Pfieffer, CEO di Celestial Pictures, che ha recentemente lanciato un canale cinematografico cinese e l’anno scorso ha offerto i primi lotti di Shaw Brothers rimasterizzato ’ Classici. “ alla gente piace la prima volta e loro probabilmente piacciono di nuovo.”

Ci sono anche aziende lanciate negli ultimi due anni che ancora non hanno rilasciato le loro liste complete, come Han Entertainment, che ha una manciata di Michelle Yeoh Starrs nella realizzazione.

I pilastri contribuiranno anche a più film. China Star Entertainment, che in genere genera una dozzina di foto all’anno, sta quasi raddoppiando la sua produzione a 22 immagini quest’anno, grazie a un accordo di distribuzione cinese che dovrebbe essere in atto entro il prossimo mese (aprile). “ se Don ’ t Avere una buona distribuzione in Cina, quindi devi andare uno per uno, ” afferma Ann Hung, direttore generale della distribuzione per China Star, che ha rilasciato l’ultima volta Johnnie a ’ S e Wai Ka-Fai ’ S Comedy “ Love for All Seasons.”

“ Abbiamo un distributore chiave per tutta la Cina, quindi ora abbiamo un mercato sicuro con cui andare.”

La maggior parte delle aziende sta mettendo insieme anche film di budget più grandi (che significa oltre 1 milione di dollari), alcune stanno girando in inglese per un fascino più ampio, mentre altri stanno rinunciando a una grande quantità di film per una migliore qualità.

L’industria dovrebbe anche ottenere una spinta da un nuovo studio di produzione di Shaw Brothers, Movie City, che ha rotto a febbraio ed è previsto per il completamento il prossimo anno. Lo studio è dotato di un cinema, un sito di backlot con oggetti di scena e banchini di scena, un edificio post-produzione e cinque palcoscenici e si prevede non solo soddisfare le stesse esigenze del settore, ma anche quelle dei film all’estero.

Con così tante cose, il futuro non è altrettanto desolante, anche se molti nel settore stanno tenendo sotto controllo le loro aspettative. “ We ’ non torneremo mai al periodo di massimo splendore, ” dice Poon di Fortune Star. “ le nostre risorse non lo rendono possibile. Le nostre stelle a Hong Kong sono sovraesposte e i nostri registi stanno lavorando all’estero. Dobbiamo trovare nuovo sangue davanti e dietro la telecamera. La cosa buona è che ci sarà sempre richiesta per più film.”

Lascia un commento