La pirateria fa male al successo

Città del Messico — La catena di noleggio video di successo Messico è stato costretto a chiudere sette negozi e annullare i piani di espansione ambiziosi qui a causa della pirateria dilagante.

I dirigenti di successo, che si aspettano di chiudere altri nove negozi prima di dicembre. 31, ha dichiarato che le vendite in alcune aree sono diminuite del 12%-15%.

I negozi colpiti sono “ in aree economicamente povere, dove i pirati possono essere trovati in ogni angolo, ” Sviluppo VP Eduardo de la Cabada ha detto.

Blockbuster ha tenuto un monopolio virtuale sui noleggi video in Messico per anni. Il suo ultimo serio rivale, Videovisa, ripiegato nel 2001, lasciando il re di noleggio quasi non contestato, una posizione custodiata dalle posizioni di apertura in aree in cui apparvero altri negozi di noleggio.

Ma ha sempre ammesso che la sua vera competizione è la pirateria. I funzionari dell’azienda stimano che le vendite di materiale pirata rappresentano il 60% del mercato dei video messicani.

La crescita del negozio è in declino; Le sedi erano aumentate di circa 30 all’anno, ma sono aumentate solo di sette, a 317 in totale, da un anno fa.

La società ha cercato di combattere la pirateria, incluso l’abbassamento dei prezzi per i DVD usati a una media di 130 pesos ($ 11.50) da $ 17 e offrendo coupon di sconto.

Ma i successi sono stati limitati e la catena sta affrontando sfide altrove in America Latina.

Blockbuster ha chiuso i negozi in Perù e le vendite nei suoi negozi Ecuador sono diminuiti della metà.

La scorsa settimana in Venezuela, la catena ha annunciato una promozione che offre noleggi illimitati per $ 18 al mese come alternativa economica alla pirateria.

Lascia un commento