L’integrazione spinge la domanda “Black Like Who?’

L’UCLA Forum della scorsa settimana aveva uno di quei titoli dal suono elegante, “ diversificazione di Hollywood, ” che teoricamente dice tutto. “ affinché l’industria dell’intrattenimento abbia davvero successo, ” detto rappresentante. Diane Watson (D-Calif.), che ha presieduto l’evento, “ deve essere … Crea una forza lavoro che rifletta la vera diversità della nostra nazione.”

Ciò che Watson ha offerto, tuttavia, era in realtà una soluzione semplice a un’equazione complessa. Perché nel rimuginare sull’integrazione dell’intrattenimento, è colpendo fino a che punto la discussione tende a ritardare la realtà — trascurando le forze di mercato e sociali che stanno contribuendo a rendere sempre più separati la TV e altri media.

Un tempo rinomato per aver riunito l’America e persino il mondo — Dalla nascita del bambino di Lucy al primo luna che atterra al “ Seinfeld ” finale — Oltre lo sport, la TV interpreta solo sporadicamente quel ruolo.

Di conseguenza, il raggiungimento della diversità razziale richiede una discussione più ponderata rispetto al conteggio della testa e allaganna del passato — a partire dall’assungere esattamente cosa “ Progress ” implica, riconoscendo sia l’impatto della tecnologia che la finzione che tutte le minoranze considerano il problema con un singolo obiettivo.

La segregazione dei media si applica non solo alla corsa ma agli interessi, su misura per chiunque sia in una certa chat room al momento. La capacità del cavo satellitare e digitale ha reso fattibili nicchie una volta improbabili, il che significa che non solo i neri ottengono i propri canali, ma anche gli appassionati di casa e del giardino.

La necessità di iniziare a ridefinire gli obiettivi cristallizzati per me dopo un messaggio vocale anonimo di una donna che ha affermato di essere afro-americana e lavora nel settore dell’intrattenimento, rispondendo a una colonna che avevo scritto mettendo in discussione l’efficacia della TV inondazione con speciali che commemorano il Black History Month.

Chiaramente frustrato, ha detto che, nonostante le buone intenzioni dei dirigenti di White Studio, “ Il problema sono le loro decisioni basate sulla paura e sull’ignoranza. … Assumono due tipi di afro-americani: uno, o gli MBA di Harvard, Yale, Princeton, che non hanno idea di essere nero. Hanno solo la pelle scura. … Li assumono in base all’istruzione per entrare e dire loro cosa pensano i neri, e non lo sanno.

“ quindi, è quello che provengono da Compton, Watts o qualsiasi città interna. Si siedono a un tavolo e non sono mai stati prima in America bianca prima. Danno il loro contributo da una prospettiva arrabbiata e scarsa.”

Non c’è modo di rompere questo schema, ha concluso, “ fino a quando non hanno messo da parte la paura e assumono qualcuno che conosca il mondo nero e il mondo bianco. … Quindi continueranno a sbagliare fino a raggiungere un mezzo felice, e non saperanno dove trovare quelle persone, o hanno troppo paura.”

Da allora, ho trascorso molto tempo a pensare se esiste un “ felice mezzo ” più in questi tempi polarizzati, uno che può davvero piacere maggior parte delle persone. Non mi chiedevo anche fino a che punto la demagogia e coloro che trasformano l’indignazione in un’industria di cottage hanno oscurato i guadagni legittimi.

Dopotutto, ora ci sono diversi programmi TV popolari che presentano lead di minoranza e li descrivono come una gente sottile e eccezionale, sia esso ’ s “ mia moglie e i miei figli ” o “ George Lopez, ” “ Girlfriels ” o “ Will & Adornare.” Diamine, ci sono persino idilliaci genitori gay su “ è tutto relativo ” e un presidente nero — Circondato da una famiglia ad alta potenza, amici e nemici — On “ 24.”

Tuttavia, queste immagini della classe media sono raramente “ Black abbastanza ” o “ abbastanza ispanico ” o “ Gay abbastanza ” Per soddisfare alcuni critici che premono meno per l’integrazione rispetto alla maggiore specificità culturale — un attributo che esiste generalmente al largo di Broadway, per così dire, nel circuito Arthouse del film e della TV. In sostanza, è Why “ Will Will & Grace ” Può essere un successo mainstream e “ queer come folk ” può ’ t.

I guadagni, quindi, possono essere misurati in due modi — liberamente archiviato sotto le intestazioni “ siamo tutti gli stessi sotto la pelle ” e “ vogliamo vedere le nostre differenze celebrate (anche se ciò significa alienare parte del pubblico più ampio).”

La professoressa di sociologia Suzanna Danuta Walters ha riassunto questo enigma nel suo libro “ All the Rage: The Story of Gay Visibility in America.” In esso, si lamenta che i gay in TV sono limitati a due modalità di rappresentazione: il “ Cuddly Cross-Dresser ” Or “ Gays come veramente dritti dopo tutto, il ‘ aren ’ T We All Just Human Esserings ’ Posizione che riduce la specificità culturale a un blend di identità.”

In altre parole, i gay possono essere accessori di moda o omogeneizzati fino a quando non sono gay in nome. Allo stesso modo, le persone di colore si adattano spesso a quella descrizione basata su poco oltre al pigmento nelle sitcom di prima serata.

Che le reti di trasmissione segnano l’ultimo bastione del mainstream diventa problematico “ se l’integrazione è vista come una sorta di ideale, ” dice darnell m. Hunt, professore di sociologia dell’UCLA e direttore di Ralph J. BUNCHE Center for African American Studies. Mentre la frammentazione di nicchia prende il sopravvento, dice, “ ciò che si vede è l’inizio di una segregazione di prima serata.”

Ok, allora allora cosa?

Bene, se la soluzione sta davvero nel mezzo, dico che inizia con il riconoscimento di ogni approccio. Un film eccezionale come “ Boyz n the Hood ” ha vinto $ 150 milioni e una commedia di Eddie Murphy come “ The Nutty Professor ” vinto per essere più rilevante per la vita degli afro-americani che per chiunque altro.

Hunt sostiene, in qualche modo persuasivamente, che il progresso dipende dal posizionare le minoranze in posizioni decisionali chiave. Eppure, mentre questo è un obiettivo degno, ancora una volta, non affronta la realtà di un mercato sempre più frammentato, o un’ondata di consolidamento del settore che continua a ridurre il numero di senior manager, rendendolo più difficile che mai per quelli non nell’elenco dei soliti sospetti da sfondare.

Tra i lati positivi, i nuovi canali e la tecnologia promettono di creare una vasta gamma di opportunità, e le principali reti sembrano capire che la diversità non è solo la cosa giusta da fare, ma potenzialmente una mossa commerciale saggia, anche se è vero che il progresso qui continua a venire In FITS E INIZIA.

Tuttavia, sono stati fatti abbastanza guadagni che giocano i rischi della carta vittima che si guardano indietro mentre ci avviciniamo a un crocevia in cui le minoranze dovrebbero pensare in avanti. Perché se gli obiettivi sono realistici, c’è spazio per progressi tangibili — Per un giorno in cui le persone di colore non necessitano.

Quindi grazie per quella chiamata, signorina chiunque tu sia. E qualunque cosa tu stia facendo ora, spero che un giorno possiamo incontrarci, forse da qualche parte nel mezzo felice.

Lascia un commento