L’app iPad rende i libri per bambini interattivi

Arrivando all’App Store di Apple il prossimo mese sono app per iPad che sono un incrocio tra un e-book e l’animazione. Mentre si abbagliano per i consumatori, queste nuove forme di intrattenimento multimediale stanno creando nuovi sfidanti per gli operatori dedici.

Utilizzando il software di Auryn con sede a Los Angeles, le app trasformano i libri per bambini in e-book, con le loro illustrazioni originali messe in moto come animazione.

Queste app mantengono il testo originale ma aggiungono elementi interattivi e illustrazioni in movimento. Il risultato è più animato di un e-book e più interattivo di un cartone animato.

Le prime app che utilizzano la tecnologia di Auryn arriveranno sull’App Store a novembre, comprese le versioni interattive di due libri nel “ cosa fa il mio orsacchiotto tutto il giorno?” serie. Il lettore può attivare l’animazione toccando lo schermo. Un orsacchiotto sullo schermo si infila anche se l’iPad è scosso.

La terza app applicherà il processo a “ The Little Mermaid, ” Con illustrazioni dell’acquerista Lisbeth Zwerger.

Michael Neugebauer, editore di Minedition, l’impronta dietro “ Little Mermaid ” e il “ Teddy Bear ” serie, ha detto a Daily Variety che crede che questa tecnologia trasformerà l’editoria. Ha detto di aver visto il suo potere di affascinare i bambini quando ha mostrato il “ Teddy Bear ” app a un ragazzo di quasi 2 anni.

“ sapeva immediatamente come gestirlo, e si eccitava così tanto che piangeva quando (era stato portato) lontano da lui. Gli abbiamo dato il libro (stampa), e quando ha toccato gli stessi punti, non ha funzionato, quindi ha gettato via il libro e ha indicato l’iPad, ” Neugebauer ha detto.

Disney ha anche introdotto un’app multimediale simile per una storia originale, “ Winnie the Pooh: What ’ è un orso da fare?” Come parte di un’app per il libro di puzzle. L’app Disney mantiene l’aspetto delle illustrazioni originali.

Gli sforzi per creare più di questi tipi di app sono stati rallentati dalla difficoltà di garantire i diritti necessari.

La creazione di un’app multimediale richiede di detenere diversi diritti normalmente distribuiti separatamente: diritti di libri, diritti di audiolibro e diritti digitali. Nel caso di alcuni libri più vecchi, i diritti multimediali e digitali potrebbero non essere mai stati affrontati nell’accordo editoriale.

In decenni passati, “ nessuno sapeva di questo mercato, ” ha detto Stanford U. Professore di legge Paul Goldstein, esperto di diritto di proprietà intellettuale.

Goldstein ha affermato che mentre la regola empirica è che l’autore mantiene qualsiasi diritti non specificamente rinunciato, che non è sempre il caso.

“ in tutti i casi, devi capire se la persona con cui si negozia ha diritti che comprendono ciò che hai intenzione di fare, ” Egli ha detto. Se i diritti digitali non sono stati trasferiti all’editore, ha spiegato Goldstein, l’editore deve trovare l’autore/illustratore originale o il successore e sperare che la persona li abbia ancora.

La Disney ha evitato questi problemi utilizzando una proprietà che possiede e una storia originale per la quale non sono mai stati venduti i diritti.

I dirigenti di Auryn sono in trattative con i principali editori — tra cui HarperCollins, Hachette, Scholastic e Simon & Schuster — Per utilizzare il processo su altri libri.

Lascia un commento