Kennard avverte di sfiducia

New Orleans — Sulla scia della scorsa settimana’S lotta tra Disney e Time Warner, “ uno spettro di sfiducia ” sospende l’industria dei cavi, il presidente della FCC Bill Kennard ha avvertito martedì.

Time Warner’S decisione di tagliare i segnali ABC a 3.5 milioni di abbonati hanno sollevato domande, “ legittimamente o no, ” sul fatto che l’industria dei cavi — la nazione’S Premier Provider di accesso a Internet ad alta velocità — “ ci si può fidare per essere un gatekeeper onesto su Internet, ” Kennard ha detto.

La sua affermazione riflette il sentimento comune tra i cabler che Time Warner ha esagerato la mano tagliando i segnali ABC nel mezzo della notte — Un errore particolarmente doloroso per Time Warner, che sta pianificando di unire i suoi 12 milioni di abbonati via cavo con l’America online’S 20 milioni di clienti Internet.

I sostenitori dei consumatori e alcune società rivali, in particolare Disney, affermano che Time Warner’Il trattamento S di ABC è una buona indicazione del suo comportamento futuro come forza dominante sia nel cavo che nel cyberspazio dopo la sua fusione con AOL.

Kennard ha offerto i suoi commenti sotto forma di consulenza amichevole: se i cabler vogliono evitare più attenzione da parte di legislatori e regolatori, l’industria dovrebbe fare del suo meglio per non utilizzare la propria posizione di fornitore dominante di accesso a Internet ad alta velocità per discriminare i concorrenti.

Inoltre, Kennard ha affermato che ci sono “ problemi persistenti sul potere di mercato ” Nel settore in generale.

Tuttavia, ha detto a&La fusione T/MediaOne è nelle ultime fasi di approvazione e potrebbe ottenere la benedizione finale di FCC in pochi giorni.

I cinque commissari della FCC che voteranno sull’accordo stanno ora discutendo delle condizioni proposte per la fusione’approvazione. A&I lobbisti T stanno facendo del loro meglio per respingere una raccomandazione da parte dello staff dell’agenzia secondo cui al gigante di telco/cavo viene data una scelta tra la rotazione della sua partecipazione del 25% in Time Warner Entertainment o Liberty Media come requisito per l’approvazione.

Lascia un commento