In un giro verso l’alto

New York — Infine, l’industria della registrazione potrebbe aver toccato il fondo.

L’intl. La Federazione delle industrie fonografiche ha dichiarato giovedì che le vendite di musica globale erano all’incirca piatta nei primi sei mesi del 2004, fermando una caduta libera di quattro anni e segnalando una potenziale ripresa per la seconda metà dell’anno.

Le vendite audio sono diminuite di 2.7% di valore nella prima metà del 2004, ma quel calo è stato bilanciato dalle vendite nel settore MusicVideo, che è cresciuto 20.2%.

Le vendite totali di tutti i formati sono stati di $ 13.9 miliardi, circa anche con $ 14.1 miliardo di vendite un anno fa. È un segno incoraggiante per un settore da 32 miliardi di dollari colpiti dalla pirateria Internet e commerciale.

“ ci sono alcuni segni che i mercati del mondo stanno iniziando a riprendersi, ” ha detto il topper ifpi Jay Berman.

Il u.S., Il più grande mercato musicale del mondo, sta guidando il recupero con un aumento del 5% delle vendite di unità e 3.Crescita del 9% di valore. In Europa, le vendite di musica sono diminuite del 5% in unità e 7.7% di valore a causa di ripide cadute in Austria, Francia, Portogallo, Spagna e Svezia.

Il u.K. Ho visto un leggero aumento, aiutato da nuove uscite di Franz Ferdinand, Keane e Joss Stone.

Le vendite di musica sono state eseguite meglio nei territori con forti tradizioni di copyright e applicazione, nonché solidi servizi di download di musica legale.

“ sempre più consumatori utilizzano servizi di download autorizzati, un segno positivo, ” Disse Berman.

I download ora superano i singoli fisici da 10 a 1.

Nel frattempo, l’U.S. L’industria della registrazione mantiene la pressione sulla condivisione dei file.

Più abiti da swap su file

L’industria discografica Assn. d’America ha intentato altri 762 cause contro presunte swapper di file giovedì, tra cui 32 reclami contro gli studenti in 26 università accusate di usare le rispettive reti di computer del college per inviare musica su Internet.

Il gruppo commerciale ha citato in giudizio più di 5.000 persone nella U.S. Da quando è iniziata la sua spinta di applicazione.

I nuovi numeri sono un buon segno per le major musicali, che si sono consolidate in quattro giocatori: Warner Music Group, EMI Group, Universal Music Group e BMG-Sony.

La seconda metà dell’anno rappresenta in genere il 60% delle vendite globali e l’IFPI prevede che il periodo sarà forte con le versioni di Green Day, Andrea Bocelli, Britney Spears, Eminem e U2.

Lascia un commento