Impulso di convergenza

Il topper delle reti USA Barry Diller ha avvertito mercoledì contro “ Media Imperialismo ” Quando si tratta di iniziative tecnologiche, esortare le aziende di intrattenimento tradizionali a cambiare le regole di coinvolgimento quando si affrontano la convergenza.

“ We ’ ha ottenuto compagnie da miliardi di dollari che sperimentano nuovi media e convergenza senza capire di cosa si tratta, ” Ha detto che mentre consegna l’indirizzo di keynote a Internet World Confab mercoledì.

Colpito dalla recente implosione di dot-com, la partecipazione alla convention era percettibilmente diminuita rispetto agli anni precedenti e l’umore tra i partecipanti sembrava dour. Diversi browser Web nei terminali dei computer pubblici sono stati impostati sul sito Doomsayer FuckedCompany.com, per verificare gli aggiornamenti degli ultimi licenziamenti e chiusure nell’arena tecnologica.

Internet World si svolge venerdì al Los Angeles Convention Center.

“ Hollywood sta arrivando a vedere la Silicon Valley e viceversa senza sapere davvero perché … Non puoi trattare queste nuove opportunità come estensioni delle nostre esperienze passate, ” Diller ha detto nel suo discorso.

Diller ha attinto alla propria esperienza lasciando Fox per QVC come guida su come avvicinare i nuovi media aziendali. Combinando elementi di televisione, vendita al dettaglio, pubblicità, computer e telefono, Diller vede il suo lavoro con QVC come un primo presagio di come affrontare la convergenza.

“ più ho descritto (QVC) a me stesso e ad altri, più ho iniziato a credere che ci fosse arte in questa convergenza, ” Egli ha detto. “ possono crescere goffamente, sono sempre imbarazzanti all’inizio … Ma devi avere un atteggiamento di vera esplorazione. Devi avere la volontà di subordinare le tue idee invece di imporli.”

Con il mercato azionario che precipita sempre più, Diller ha accennato alla popolare pratica dei nuovi media di cambiare la strategia in risposta alle fortune degli investitori.

“ Anche noi abbiamo dovuto ripensare le cose, ” Diller ha scherzato. “ abbiamo questo film chiamato ‘ traffico ’ E originariamente si trattava di un portale Internet Gen X. Ma abbiamo pensato che la cocaina fosse un modello di business più sostenibile. Quindi abbiamo mantenuto il titolo e cambiato tutto il resto.”

Lascia un commento