Il tribunale teutonico ridefinisce “Assistenza statale”

Berlino — I pubcaster tedeschi ARD e ZDF stanno rivendicando la vittoria dopo una recente sentenza della Corte di Giustizia europea che potrebbe rivelarsi significativa per il proprio status legale.

Il 24 luglio la Corte ha semplificato ciò che è e ciò che non è “ Assistenza statale.” Nel caso dei pubcaster, le spese di licenza degli spettatori non si adattano al Bill — Dare a ARD e ZDF più libertà di intraprendere attività commerciali, allo dispiacere dei loro rivali di emittente commerciale che stanno già spingendo per il divieto di pubblicità sui pubaster.

La legge europea limita gli sforzi commerciali delle società che ricevono “ Assistenza statale ” e Bruxelles non ha evitato di rimescolare i pubcaster europei in passato.

Ha indagato sulle accuse di emittenti commerciali contro la Francia 2 e 3, l’Italia RAI e il PUBCASTER PORTUGHESE RTP per aver presumibilmente ricevuto aiuti di stato illegali.

Il culo tedesco. delle emittenti commerciali e delle telecomunicazioni (VPRT) ha accusato ARD e ZDF di utilizzare illegalmente fondi pubblici per guadagno commerciale e ha presentato una denuncia contro di loro alla Commissione europea ad aprile, che non ha perseguito la questione.

L’ultima sentenza del tribunale ha risolto una disputa decennale tra due compagnie di trasporto pubblico regionale in Germania. Eppure i funzionari della ZDF vedono la sentenza come sostenere la definizione di commissioni di licenza televisiva del pubcaster.

In una sfida sottilmente velata al VPRT, il topper ZDF Markus Schaechter ha affermato che la sentenza era “ un promemoria a tutti coloro che prendono le loro lamentele sugli aiuti di Stato contro le emittenti pubbliche in Germania.”

Secondo la definizione del tribunale, le commissioni sono un risarcimento per un obbligo di servizio pubblico imposto dal governo — In questo caso i pubcaster ’ mandato legale per fornire informazioni agli spettatori — e non può essere visto come assistenza statale.

Schaechter ha aggiunto che la sentenza ha confermato la posizione di ARD e ZDF che “ le spese di licenza, che sono strettamente utilizzate per il finanziamento delle responsabilità delle emittenti pubbliche, non sono sussidi statali.”

È probabile che l’ultima sentenza impedisca Juergen Doetz, la tenace prexy VPRT, dalla sua crociata per tagliare le spese di licenza e barrare la pubblicità da canali pubblici, che sostiene ha un vantaggio ingiusto rispetto alle reti commerciali.

Doetz gestisce anche il dirigente presso il gruppo di trasmissione tedesco Prosiebensat.1, che viene rilevato da te.S. Miliardario Haim Saban.

Lascia un commento