Il rappresentante dell’industria pubblicitaria non vede una minaccia di sciopero SAG

Il principale negoziatore del settore pubblicitario ha dichiarato di non aspettarsi uno sciopero dalla gilda degli attori dello schermo e dalla Federazione americana della televisione & Artisti radiofonici, tre anni dopo che i Thesps hanno messo in scena la più lunga fermata del lavoro nella storia di Hollywood.

Invece, Ira Shepard ha affermato che l’economia presenta l’elemento più cupo nei prossimi negoziati per un contratto pubblicitario con SAG e Aftra. L’attuale patto di tre anni, negoziato dopo lo sciopero degli attori di sei mesi nel 2000, scade OCT. 30.

“ We ’ non parliamo nemmeno di uno sciopero, ” Shepard ha rassicurato una rottura di nervosi Madison Avenue Industrytes giovedì durante una conferenza Gotham per l’Assn. di inserzionisti nazionali. “ uno sciopero non è nell’interesse di nessuno.”

I colloqui sono provvisoriamente previsti per iniziare a settembre. 3, con i leader SAG e Aftra che hanno optato per un inizio tardivo per aver completato la fusione proposta.

Guidato finanziariamente

“ Mentre entriamo nei negoziati, è terribilmente importante capire che sono guidati dall’economia attuale, ” Egli ha detto. “ L’economia in questo momento, almeno, è imprevedibile. Nella migliore delle ipotesi può essere visto come fragile.”

Il tono dell’avvocato era cautamente ottimista mentre delineava il futuro e fece del suo meglio per lasciare il passato dietro — vale a dire lo sciopero, che ha fatto diffidare gli inserzionisti per il termine “ anno di contratto.” “ entrambe le parti, il lavoro e la gestione, hanno trascorso gli ultimi tre anni a mettere dietro di noi la retorica dello sciopero, ” Disse Shepard, implicando che il suo AUD dovrebbe fare lo stesso.

I numeri, almeno, sono più incondizionatamente positivi, con guadagni SAG e AFTRA combinati per oltre $ 700 milioni. Questo è generalmente lo stesso campo da baseball delle cifre del 1998 e del 1999, quando i guadagni SAG erano rispettivamente di $ 606 milioni e $ 630 milioni, e si stima che gli utili AFTRA siano nell’intervallo di $ 60 milioni ogni anno.

Quei numeri erano significativamente più alti rispetto ai dati del 2000 e del 2001, anni ammaccati dallo sciopero e una recessione nella pubblicità. Aftra, che negozia congiuntamente con SAG, non rivela quanto i suoi membri guadagnano ai sensi del contratto commerciale, ma si ritiene che sia inferiore al 10% di ciò che i membri SAG portano a casa.

Shepard ha anche suggerito che la sua parte sarebbe aperta ad affrontare le proposte di cambiamenti nei contributi del datore di lavoro del piano di salute e pensionamento nel prossimo accordo. I piani sanitari SAG e AFTRA, che sono amministrati congiuntamente con l’industria, sono stati costretti a rafforzare l’idoneità e ridurre i benefici a causa dei costi di assistenza sanitaria alle spalle.

‘ modesto ’ pacchetto

Shepard ha sottolineato i piani del settore di offrire A “ modesto ” pacchetto che si concentrerà sulle questioni relative al pane e al burro di salari e benefici.”

Proprio come Internet ha introdotto un mezzo per gli inserzionisti che dovevano essere presi in considerazione dalle Guilds — ed è stato scritto nel contratto del 2000 — La TV digitale presenterà un altro problema da affrontare quest’anno. Shepard ha indicato che i colloqui sul prossimo patto includeranno la discussione, almeno, di DTV.

I negoziati nel 2000 sono crollati sulla domanda da parte degli inserzionisti per buyout a tasso piatto di residui di rete e da SAG/AFTRA per residui via cavo al posto degli acquisizioni. Entrambe le parti hanno ceduto da quelle posizioni nell’elaborare l’accordo finale.

Lascia un commento