Il Perù accoglie i proprietari di stazioni estromessi

Lima – Dopo più di tre anni di esilio a Miami e Tel Aviv, Baruch Ivcher è tornato in Perù per recuperare la sua cittadinanza e la sua stazione, Frecuencia Latina (Canal 2).

Ma prima di mettersi al lavoro, il sorridente Ivcher ha visitato il suo ristorante di Lima preferito.

“ Sono peruviano come Ceviche, ” Egli ha detto. “ Ho sempre detto che la prima cosa che avrei fatto quando sono tornato a casa è stata mangiare ceviche. Questo è quello che ho fatto.”

Con la caduta del governo di Alberto Fujimori, c’è un cambiamento nei volti dei media mentre coloro che si sono opposti sono ben accolti e quelli che lo hanno sostenuto fanno il viaggio fuori dal paese.

Un alleato una tantum dell’ex Fujimori, i problemi di Ivcher iniziano nel 1996, quando i giornalisti investigativi al Canal 2 hanno scoperto i collegamenti tra generali dell’esercito e trafficanti di droga.

Nonostante gli avvertimenti del governo, Ivcher ha dato ai suoi giornalisti la luce verde e all’inizio del 1997 il giornale settimanale della rete ha riferito di scandalo dopo lo scandalo, che collegava il consulente di sicurezza di Fujimori Vladimiro Montesinos.

Usando la documentazione ora nota per essere fraudolento, il governo ha spogliato Ivcher, un peruviano nazionalizzato di origine Israele, della sua nazionalità nel luglio 1997.

Per legge, solo i peruviani possono essere azionisti di maggioranza nei media, quindi il controllo di Canal 2 è stato ceduto agli azionisti di minoranza, Mendel e Samuel Winter, che fino ad ora hanno gestito.

Il caso ha attirato l’attenzione internazionale, ma il governo ha scrollato di dosso le critiche e ha ignorato le sentenze dai tribunali dei diritti umani interamericani.

La marea si girò solo sulla scia della caduta di Montesinos e poi dello stesso Fujimori.

Il governo del custode si è trasferito rapidamente per ripristinare la democrazia, con il caso di Ivcher una priorità assoluta.

Un dec. La risoluzione 2 ha annullato tutti i processi legali contro il proprietario della stazione di 60 anni e ha ripristinato la sua cittadinanza.

Ivcher è tornato in Perù al DEC. 4 con sua moglie e due figlie.

“ riprenderemo il controllo della stazione e speriamo che sarà pacifico, ” Ivcher ha detto a Variety. “ inizieremo da zero.”

Ivcher afferma che valuterà tutti i giornalisti che hanno lavorato per Canal 2 durante la sua assenza forzata e “ chiunque non si adatti alla definizione di giornalista, cioè chiunque abbia lavorato per il governo, sarà rimosso.”

Lavorerà anche alle finanze, poiché Frecuencia Latina ora deve affrontare debiti di $ 20 milioni.

Una volta che prende il sopravvento, Ivcher chiuderà la stazione per almeno una settimana per ristrutturare la programmazione e dare ai suoi giornalisti, in particolare il team investigativo che ha lasciato con lui, tempo di riorganizzare.

Il nuovo governo ha anche annullato la decisione del 1999 che ha spogliato Genaro Delgado Parker of Control of Red Global, o Canal 13.

Delgado Parker dovrebbe recuperare la rete televisiva dagli azionisti di minoranza, nonché una stazione radio confiscata, nei prossimi giorni.

I giornalisti che hanno lavorato al Canal 2 sotto gli inverni ’ L’amministrazione, così come altre personalità televisive strettamente legate a Fujimori, hanno offerto scuse dal crollo del regime.

Laura Bozzo, un convinto sostenitore Fujimori spesso accusato di aver costruito gli ospiti ad attaccare l’opposizione politica, ha annunciato DEC. 4 che stava lasciando il Perù.

“ Sono perseguitato. Una persona può prendere solo così tanto, ” Ha detto in un’intervista con te.S. Hispanic Net Telemundo, che trasmette il suo popolare “ Laura en America ” Talker Against Reval Net Univision ’ S “ El Show de Cristina.”

Bozzo ha annunciato che avrebbe lavorato nel suo spettacolo da Miami, Messico e Puerto Rico.

Prima di scegliere di lasciare il Perù, ha cercato di prendere le distanze dal suo passato, dicendo che Montesinos l’aveva ingannata.

La sua rete, America Television (o Canal 4), è ora sotto inchiesta dal nuovo governo per i suoi stretti legami con il fuggitivo Montesinos.

Jose Francisco Crousillat, secondo al comando al Canal 4 e il figlio del proprietario, appare nel video che ha portato a Montesinos ’ Caduta.

Pochi mesi prima che il video fosse reso pubblico, Crousillat offriva testimonianze giurate prima del Congresso che non aveva mai incontrato Montesinos.

Lascia un commento