I contendenti all’Oscar passano oltre le etichette razziali

Mentre l’America si prepara a inaugurare il suo primo presidente biraziale, alcuni contendenti all’Oscar di quest’anno riflettono l’America ’ S “ New Normal ” — Un paese che accetta sempre più relazioni interrazziali e rifiuta le tradizionali etichette razziali.

“ Rachel si sposa, ” “ sette sterline ” e “ il curioso caso di Benjamin Button ” Tutti includono coppie interrazziali. Ciò che è notevole, tuttavia, è quanto questi film siano insignificanti. Razza ed etnia non è la spinta delle loro storie e sono a malapena, se non del tutto, hanno osservato.

“ molte persone dicono che (razza) è semplicemente un costrutto sociale, ” dice “ Rachel si sposa ” Scrittore Jenny Lumet.

“ Rachel si sposa ” non include solo matrimoni interrazziali (lumet non specifica le razze nella sua sceneggiatura, ma era aperto a qualunque casting funzionasse bene), lo sceneggiatore è l’incarnazione vivente del “ Nuovo Normal ” Lumet e sua nonna è la cantante Lena Horne.

“ Sai che questo è ciò che il mio friggin ’ La famiglia sembra, ” Dice Lumet. “ Il mondo è interrazziale. Le nostre vite sono interrazziali.

“ Penso che il fatto che siamo entrati in un luogo in cui sullo schermo non deve essere osservato se il organico è organico per i personaggi è un passo totale nella giusta direzione.”

È un grande cambiamento rispetto ai giorni in cui una storia d’amore interrazziale doveva essere il punto di un film americano che ha osato includere uno. L’esempio classico è “ indovina chi sta arrivando a cena, ” che ha guadagnato 10 nomination agli Oscar Award e Oscar per lo scriba William Rose e l’attrice Katharine Hepburn nel 1968. Romanzi più recenti come “ Mississippi Masala ” e “ Maid in Manhattan ” Metti anche i conflitti razziali ed etnici davanti e al centro.

Nel 1961, “ il mondo di Suzie Wong, ” controverso anche all’epoca, se la prostituta asiatica sottomessa stereotipata e il aspirante salvatore bianco. The Current “ Gran Torino ” Presenta una coppia molto diversa: una donna asiatica indipendente e un appuntamento bianco piuttosto zoppo che è indifeso per proteggerla dai duri di strada. Nessuno nella foto, nemmeno il razzista Walt Kowalski (interpretato da Clint Eastwood), ha molto da dire sul vederli insieme.

Il pubblico non sembra essere alle prese con l’idea di romanzi interrazziali quando due bellissime star del cinema si stanno riunendo. “ Hitch, ” Con Will Smith ed Eva Mendez, ha guadagnato più di $ 368.1 milione e la scorsa estate ’ S “ Hancock, ” che ha posato una storia romantica tra Smith e Charlize Theron, ha guadagnato

$ 624.3 milioni e conteggio.

The Flip Side è che tra i film di quest’anno, l’antagonismo razziale viene visualizzato come una caratteristica dei cattivi sibilanti in “ Australia ” o come tratto distintivo di “ Gran Torino ” Protagonista Kowalski. Ma come “ Gran Torino ” Scribe Nick Schenk dice: “ quella generazione sta andando via. Morire letteralmente.”

In “ Australia, ” Il segno degli snob bianchi senza cuore è la loro indifferenza alla difficile situazione dei bambini a razza mista nati da coloni bianchi e aborigeni. Al contrario, gli eroi sono contrassegnati dai loro atteggiamenti più liberali. Hugh Jackman ’ S “ Drover ” era sposato con una donna aborigena (e ostracizzata per questo) e Nicole Kidman ’ S “ Mrs. Boss ” cade nell’amore materno con un ragazzino di razza mista, sfidando i confini razziali della cultura bianca.

Lo scrittore-regista Baz Luhrmann dedicava gran parte di “ Australia ” alla difficile situazione di “ le generazioni rubate, ” I bambini a razza mista che venivano forzatamente prelevati dalle loro famiglie per assicurarsi che sarebbero stati assimilati nella società bianca.

“ se Barack Obama è nato in Australia, ” Luhrmann dice, “ negli anni ’70 all’età di 10 anni sarebbe stato portato con forza dal governo dalla sua famiglia, messo in un complesso, se il suo nome fosse cambiato e sarebbe stato un po ‘riprogrammata per essere utile in Società europea. … Sarebbe stato inconcepibile che sarebbe diventato presidente.”

Luhrmann dice che è notevole la velocità con cui la razza è diventata non un problema nei film: “ è ora una vera rappresentazione del mondo in cui viviamo.”

Lascia un commento