I compositori cantano blu non sindacali

I musicisti e i sostenitori dei diritti di proprietà intellettuale sono stati indignati all’inizio di quest’anno quando lo sceneggiatore molto retribuito Joe Eszterhas ha pubblicato annunci commerciali a piena pagina sollecitando musica per il suo prossimo “ un film Alan Smithee.”

Piangere povertà (“ considerando la natura costosa del mio insediamento di divorzio e il numero di bambini che abbiamo in giro per la nostra casa, non posso permettermi di finanziare la musica ”), Eszterha ha informato la comunità musicale verrebbe pagato solo se le loro melodie fossero incluse in un album della colonna sonora.

Per i compositori e i cantautori, questo è stato solo l’ultimo esempio di trattamento ingiusto da parte del cinema. Il motivo è semplice: sono gli unici collaboratori creativi chiave per i film e la TV i cui diritti non sono protetti da un sindacato o da una gilda.

Dice Jay Chattaway, presidente della Society of Composirs & Parolieri: “ Il concetto di musica libera è un crimine. I ’ sono sicuro che nessuno è andato a (The ‘ Smithee ’ cineasti) e ha detto: ‘ che ne dici di darci il tempo di montaggio gratuito, ’ o ‘ abbiamo bisogno di qualcuno per realizzare stampe gratuite di questo film.’ Quelle cose sono state comprese perché quelle persone fanno parte di una gilda consolidata che non tollererebbe un comportamento così ridicolo.”

Tutti concordano sul fatto che Eszterhas ’ La sollecitazione era scandalosa, ma le opinioni differiscono sul fatto che la sua azione sarebbe stata vietata se esistessero ancora i vecchi compositori e parolieri della Guild of America (CLGA).

Fino al 1982, il CLGA era il compositore ’ Equivalente della Writers Guild o Directors Guild: l’agente riconosciuto collettivo-bargata che governava le condizioni di lavoro per coloro che hanno contribuito con musica e canzoni originali a film e TV. Fondato nel 1953, fu certificato come sindacato nel 1955, ma fu schiacciato dagli studi dopo una causa prolungata (che è durata per gran parte degli anni ’70) sui diritti di proprietà alla musica.

Cinematografi, redattori, direttori d’arte, truccatori, impugnature, lo chiami: sono rappresentati da gilde o sindacati. Perfino i musicisti che suonano i punteggi hanno un’unione (la Federazione americana dei musicisti), ma le persone che scrivono la musica — Senza dubbio una delle arti più creative, complesse ed esigenti del cinema — non. (Orchestrazione e conduzione, spesso fatti dai compositori, sono coperti dalle regole AFM, ma l’atto di creare una canzone o una colonna sonora non lo è.)

Il risultato, secondo i compositori e i parolieri in tutto il settore, è un continuo declino per il loro mestiere. Retribuzione inferiore, meno tempo per scrivere, richieste irragionevoli da parte di direttori e produttori ignoranti delle complessità del processo, sono diventate la norma, dicono.

Dice il compositore vincitore dell’Oscar Elmer Bernstein, ex presidente del CLGA: “ I compositori vengono abusati sul posto di lavoro in termini di procedure di lavoro e certamente vengono abusati economicamente. Non c’è dubbio che, in termini di budget delle immagini e cosa (artisti e artigiani) stanno facendo in altre professioni, i compositori sono molto svantaggiati.”

È meno evidente nella parte superiore della scala che in fondo, specialmente in televisione, dove praticamente tutto è “ confezionato ” (Il compositore dovrebbe consegnare un punteggio finito, tra cui la scrittura, l’esecuzione, il pagamento dei musicisti, la miscelazione, ecc., per una tassa piatta e all-inclusive).

Le tasse cinematografiche sono crollate, così come i tassi di pagamento per il punteggio delle serie settimanali. Nell’altra parte di sette anni fa, il budget medio di musica del film TV era di $ 90.000 (compresa una commissione di $ 25.000 per il compositore); ora molti sono $ 20.000 in totale. Il budget musicale per un dramma di un’ora era di $ 40.000 (tra cui una tassa compositore da $ 5.000 a $ 6.000); Ora il pacchetto Flat-Fee può essere solo $ 7.000.

Di nuovo nel ’ 60s, i compositori avevano spesso due settimane per scrivere un punteggio televisivo di un’ora; Ora è una questione di pochi giorni (e nel caso delle sitcom, spesso solo ore).

Il CLGA, come altre gilde, aveva A “ Accordo di base minimo ” che proibivano la scrittura di specifiche, stabilì commissioni minime per la composizione per film e televisione e delineava le condizioni di lavoro essenziali. Tutto ciò è uscito dalla finestra quando il CLGA ha piegato.

Il suo successore, la Society of Composirs & Parolieri, ha presentato una petizione al National Labor Relations Board per il riconoscimento nel 1984. Ma il NLRB si schierò con gli studi e decise che compositori e parolieri non erano “ dipendenti ” ma piuttosto “ appaltatori indipendenti ” Non diritto alla rappresentanza sindacale. Lo SCL rimane l’organizzazione dei compositori di Hollywood, ma funge da più di un’entità educativa rispetto al CLGA.

Due anni fa la SCL ha nuovamente iniziato a indagare sui problemi di sindacalizzazione. L’allora presidente Richard Bellis (“ Stephen King it ”) ha scoperto che la ripresa con la NLRB sarebbe costosa ($ 150.000 o più) e ha discusso della possibilità di affiliazione con i sindacati esistenti, come i musicisti & #8217; Unione o INTL. Alleanza dei dipendenti della fase teatrale (IATSE) e “ speranza per il riconoscimento volontario da parte dei produttori al tavolo.”

I membri SCL, tuttavia, hanno diviso tre modi sulla questione: alcuni hanno favorito l’AFM, alcuni IAT, alcuni non desideravano affatto un sindacato. “ se potessimo avere la nostra unione, sarebbe molto più facile ottenere un consenso, ” Dice Bellis. “ (così com’è ora) non penso che possiamo raggiungere il tipo di maggioranza all’interno della comunità che ci darebbe il tipo di appartenenza che, ad esempio, la Guild degli Writers ha.”

Bellis sottolinea che la NLRB deve ridefinire i termini “ dipendente ” e “ appaltatore indipendente ” per i ’ 90s, ma fino a quando ciò non accade, “ non abbiamo davvero una possibilità ” al raggiungimento dello status sindacale presso la Federal Labour Agency.

Lascia un commento