Gori ottiene un aumento delle offerte

Milan — Un tribunale di Roma ha sospeso la controversa decisione dell’Autorità per le comunicazioni italiane di bloccare l’offerta da $ 360 milioni da parte del seggio multimediale di Telecom Italia per la rete televisiva telecomunicata Telemontecarlo (TMC).

Agostino Elefante, presidente del tribunale, ha chiesto all’Autorità mercoledì di riconsiderare il suo verdetto, emesso all’inizio di questo mese, entro 15 giorni. Il tribunale di Roma ha dichiarato che avrebbe preso una sentenza finale il 28 marzo, ma il caso potrebbe essere indirizzato a un tribunale superiore prima di allora.

Parente di sedili Telecom Italia e TMC hanno fatto appello alla Corte mentre continuavano a un’integrazione precedentemente pianificata. Il posto possiede già una partecipazione del 25% in TMC e prevede di alzarlo al 75%.

Secondo la legge italiana, i tribunali amministrativi possono emettere sentenze provvisorie in casi urgenti o delicati.

L’accordo è cruciale per le ambizioni multimediali di sedile e per la salute finanziaria del gruppo Cecchi Gori assediato, il cui TMC è l’unico emittente commerciale che potrebbe sfidare il tycoon italo trasformato in polvio berlusconi ’.

Il patto aiuterebbe anche a rompere il dominio della rete statale RAI e dell’emittente privata Mediaset nella televisione terrestre.

Il CEO di Telecom Italia Roberto Colaninno aveva minacciato di vendere il posto a un partner televisivo internazionale se le sue ambizioni televisive domestiche sono bloccate. Secondo fonti del settore, il gruppo olandese Endemol è un possibile candidato.

Partito politico di Berlusconi, Forza Italia, si è opposto alla decisione del tribunale.

“ speriamo che questa sia una decisione tecnica e non politica, ” ha detto il portavoce Paolo Romani.

Lascia un commento