Ecco chi ha scelto le foto

Allo stesso tempo ha svelato il suo elenco di nominati, AFI ha rivelato i nomi degli elettori che hanno inventato i NOMS.

Le scelte di nomina sono state fatte tramite due comitati di 13 membri, uno che rappresenta il film, l’altra TV. Entrambi hanno convocato negli ultimi due fine settimana a Los Angeles.

Il comitato cinematografico comprendeva quattro fiduciari AFI: Marsha Mason, Michael Nesmith, Tom Pollock e UCLA School of Theater, Film, Film & TV ’ S Vivian Sobchack.

In quel panel c’era anche il regista Mimi Leder e lo scrittore-elmer Steven Zaillian; critici Roger Ebert del Chicago Sun Times e Molly Haskell e Andrew Sarris, entrambi N.Y. Osservatore; Jeanine Basinger di Wesleyan U.; Todd Boyd, USC School of Cinema-Television; e UC Santa Barbara e Edward Branigan.

Il presidente del comitato è stato Time Magazine; S Richard Schickel.

Sul pannello TV c’erano il produttore-elmer Thomas Carter; produttore-scrittore Diane English; produttori Marian Rees e Frank Spotnitz; Due fiduciari AFI, produttore Suzanne de Passe e regista Daniel Petrie SR.; David Bianculli del New York Daily News; TV Guide ’ S Matt Roush; Newsday ’ s Diane Werts; Angela M.S. Nelson, Bowling Green State U.; Horace Newcomb, u. della Georgia; e Lynn Spigel, USC School of Cinema-Television.

Il pannello TV è stato presieduto dal veterinario della TV Disney Richard Frank, anche un fiduciario AFI.

Chi sceglierà i vincitori

Una giuria AFI di 100 persone che rappresenta gli esperti di Showbiz selezionerà i premi attraverso le votazioni inviate oggi da AFI. I membri della giuria saranno annunciati da AFI due giorni prima della trasmissione televisiva.

La giuria sarà composta da rappresentanti di tutti i gruppi nei pannelli di nomina più tutte le discipline onorate. “ Abbiamo una ricchezza di diversità, da un ampio spettro di persone che hanno dedicato la loro vita a questi mezzi, ” ha detto il topper AFI Jean Picker Firstenberg.

Picker Firstenberg è stato entusiasta Varietà quotidiana Quello “ è stato un onore ” sedersi con i comitati mentre deliberavano. “ queste sono persone che erano intelligenti e non hanno l’opportunità di sedersi l’uno con l’altro e parlare di ciò che si preoccupano. Dovevano venire al tavolo preparato. Hanno condiviso il loro punto di vista (e) ascoltato ad altre persone. Sono state aperte molte menti. E sono arrivati al consenso dopo una considerevole considerazione.”

Lascia un commento