Diller Eyes Ottobre mentre PFE rimane in gioco

Barry Diller, che ha inghiottito la maggior parte degli Universal Studios ’ Asset televisivi l’anno scorso, ora ha i film di distribuzione specializzati di ottobre in cui si vede il resto, oltre al resto del poligramma filmato Entertainment.

Il presidente delle reti statunitensi ha iniziato a parlare con Edgar Bronfman Jr., CEO di U Parent Seagram Co., Alla fine dell’anno scorso sull’acquisto in PFE o U (Varietà giornaliera, DEC. 21, 1998).

Non è chiaro quando, o precisamente perché, ottobre è stato gettato nel mix. Alcune fonti ipotizzavano che Seagram potesse aver aggiunto la compagnia cinematografica indie come dolcificante a Diller, che si dice che apprezzino il suo marchio, nonché quello di Distriby indie Gramercy di PFE. I colloqui di ottobre sono ancora esplorativi e devono ancora raggiungere una fase formale.

La vendita di ottobre avrebbe turbato molti nelle immagini universali, poiché alimenterebbe la convinzione che Seagram stia cercando di ridurre la sua presenza nel settore cinematografico. Hai investito per la prima volta in ottobre quasi due anni fa, quando ha pagato $ 14 milioni per una quota del 51%.

Segnerebbe anche un inversione a U per Diller, il cui sospetto dell’industria cinematografica è ben noto. Ma le persone vicine a Diller affermano di essere disposto a investire nel film se l’esposizione finanziaria e il rischio sono limitati e c’è il potenziale per un certo valore di franchising. Questo potrebbe essere il caso di ottobre.

Tuttavia, il prezzo rimane una questione controversa. Una fonte ha indicato che Seagram ha già respinto diverse offerte di Diller.

Minority ’ s a destra

Diller deve anche vincere gli azionisti di minoranza di ottobre, che hanno un veto proprio su qualsiasi accordo, anche se non dovrebbe essere troppo problema in quanto sono guidati dal suo banchiere di investimento di lunga data Herbert Allen.

Le persone vicine a Diller hanno detto che non vuole spendere un sacco di soldi per il film e ottobre sarebbe una piccola acquisizione. U non è un proprietario completo, sebbene abbia un’opzione per acquistare il restante 49% in cinque anni a un prezzo dipendente dalle prestazioni. E la performance di ottobre da quando l’acquisto del 51% di U &#8217 non è stato spettacolare. A parte il protagonista di Robert Duvall “ The Apostle, ” Ottobre non ha avuto colpi di breakout, suggerendo che il suo prezzo non è aumentato in modo sensibile.

Mentre la biblioteca di ottobre non è così grande, ha guadagnato un nuovo valore dai numerosi accordi di produzione e relazioni che ha firmato l’anno scorso, tra cui quelli con Sean Penn, Jonathan Demme, Harvey Keitel e Michael Douglas.

Interesse

L’acquisto di ciò che è rimasto di PFE sarebbe probabilmente più costoso per il Diller che l’acquisto di ottobre, ma non è chiaro quanto sia interessato a PFE o quali pezzi sta guardando. Alcuni osservatori pensano che Diller voglia solo Gramercy e forse alcune delle etichette di produzione, tra cui film di propaganda, titolo di lavoro e Scott Free Prods.

Si ritiene ancora che Carlton Communications sia il probabile acquirente della Biblioteca televisiva ITC di PFE &#8217 (Metro-Goldwyn-Mayer ha completato la sua acquisizione da $ 235 milioni della Biblioteca del film PFE giovedì).

Né Seagram né USA avrebbero commentato. Sono stati anche commenti in declino di ottobre Scott Greenstein, Bingham Ray e John Schmidt e la maggior parte degli azionisti di minoranza di ottobre, tra cui Allen & Co. e la società di investimento Siegler, Collery & Co.

Gli osservatori credono che il presidente delle foto universali Chris McGurk, che sta supervisionando l’integrazione della PFE in U e che ha supervisionato ottobre per lo studio, probabilmente si opporrà a qualsiasi vendita di ottobre negli Stati Uniti.

D’altra parte, i dirigenti possono essere felici se Bronfman vende la partecipazione di U &#8217 in ottobre fintanto che mantiene Gramercy. Secondo alcuni commentatori, Gramercy è più vicino a ottobre all’idea di una società cinematografica specializzata.

Lascia un commento