Diane Keaton su Sarah Paulson in “Martha Marcy May Marlene”

“ Sarah è la cosa reale in termini di essere un’attrice. Mi vedo come una di quelle persone che hanno suonato variazioni di me stesso. Con lei, può fare qualsiasi cosa. Lei è un’attrice estremamente dotata, ma non l’ho mai vista fare una parte del genere. Non è un ruolo facile, e è complicato dall’intensità del film. Lei sta cercando di offrire un modo di vedere il mondo che vorremmo pensare come come è davvero il mondo. Lei sta solo cercando di vivere la sua vita. E non ha idea di cosa è successo a sua sorella. E come ha potuto? Sarah non potrebbe mai immaginare che sua sorella fosse in una situazione così folle in cui le persone stanno uccidendo le persone. Il film ci costringe a dare un’occhiata più a lungo alle persone che amiamo e non essere così determinati a rendere tutto migliore di quanto non sia.

Mi piace guardare le scene di combattimento nei film perché ti dicono davvero che tipo di attrice o attore sei. Sarah doveva metterlo un po ‘un po’ qui, ma essere mortificata allo stesso tempo. Questo non è facile da fare. Sarah non ha scelto di andare avanti, il che è, ovviamente, quello che sarebbe stato il mio istinto. Che sarebbe stato sbagliato! Voglio solo farlo ‘ oh sì! Ho bisogno di combattere. Ottieni l’artiglieria! I ’ vado a soffiare ’ em down!’ Questo è il modo in cui mi piace farlo. Ma questo è il motivo per cui penso che questo film sia molto interessante perché non è farlo e perché ti costringe a pensare di più come membro del pubblico. Il film mi spingeva costantemente in giro e questo è sempre buono.”

Torna all’anteprima SAG

Lascia un commento