Corteggiare un ricorso

La pirateria di Internet sta andando davanti alla corte più alta del terreno.

Il u.S. La Corte Suprema ha deciso di ascoltare l’appello dell’MPAA, il settore discografico ASSN. dell’America e degli editori di musica nazionale Assn. di una decisione di appello che dichiara reti peer-to-peer, dove si svolge la maggior parte della pirateria di musica e film, può operare legalmente.

Gli addetti ai lavori di entrambe le parti concordano il caso dipenderà in gran parte sull’interpretazione del tribunale della decisione betamax del 1984, in cui la Corte ha stabilito che i videoregistratori sono legali anche se possono essere utilizzati per la copia illegale.

Poiché anche questo caso è stato deciso dalla Corte Suprema, gli avvocati si aspettano che i giudici si concentrino sul fatto che la tecnologia P2P debba essere giudicata allo stesso modo o se la facilità di copia digitale di massa lo rende diverso.

I tribunali inferiori si sono concentrati maggiormente sulla decisione legale fuorilegge Napster, che la Corte di ricorso ha affermato che era diverso perché i server Napster indicizzavano il contenuto piratato e erano necessari per la pirateria, mentre i server per Grokster e l’affiliato Streamcast Morpheus non lo.

La decisione avrà implicazioni non solo per gli operatori P2P Grokster e Streamcast Networks, Convents nel caso, ma Big Media, intera strategia legale nella lotta alla pirateria.

MPAA e RIAA sperano che una vittoria non solo consentirebbe loro di inseguire la tecnologia P2P piuttosto che i singoli downloader, ma influenzano i paesi di tutto il mondo a seguire l’esempio e reprimere la tecnologia.

“ La decisione Sony Betamax ha avuto drammatiche conseguenze sulla legge di tutto il mondo, ” ha detto Dean Garfield, MPAA Veep responsabile degli affari legali dell’antipirazia. “ Penso che le ramificazioni siano enormi.”

Le aziende tecnologiche contrastano su cui vivrà P2P, indipendentemente dal fatto che i governi li mettano fuorilegge e sostengano che una decisione contro di loro potrebbe soffocare l’innovazione.

“ possono scegliere i paesi, ma P2P è qui per rimanere perché non ha confini, ” Il CEO di Streamcast Michael Weiss ha detto. “ Le aziende di intrattenimento vogliono impedire alle aziende come la mia di sviluppare liberamente in modo da poter controllare la tecnologia.”

RIAA Topper Mitch Bainwol ha risposto, “ queste sono domande non su una particolare tecnologia, ma l’abuso di quella tecnologia da parte dei professionisti di un modello di business parassita.”

Aggiunto il capo MPAA Dan Glickman: “ Gli studi cinematografici abbracciano e supportano ciascuno tecnologie innovative che hanno il potenziale per offrire ai consumatori più modi per visualizzare i film a cui piace. Tuttavia, aziende come Grokster e Streamcast che traggono apertamente l’uso improprio di materiali protetti da copyright nel tentativo di evitare la responsabilità legale non dovrebbero essere protette dai tribunali.”

Aiutare ad attirare la Corte Suprema ad ascoltare il caso era un’ampia coalizione organizzata dalle Org commerciali di Showbiz per sostenere il loro appello, che vanno dalle Hollywood Guilds a Netflix alla NBA.

Il caso sarà discusso a fine marzo e si prevede una decisione entro la fine del mandato.

Lascia un commento