Clinton ha in programma di valutazioni

Washington — Il presidente Clinton si è congratulato con l’industria dell’intrattenimento per i suoi sforzi per fornire ai genitori maggiori informazioni sul sesso e la violenza nella cultura popolare, ma ha anche usato il suo discorso sullo stato dell’Unione per sollecitare il film, la televisione, la registrazione e le industrie dei videogiochi per elaborare un unico contenuto coeso codice.

Il mese scorso First Lady Hillary Clinton ha suggerito che l’intero settore adotti un codice di contenuto universale.

Lobbisti di intrattenimento tra cui il settore registrazione Assn. di America Prexy Hilary Rosen ha criticato l’idea come impossibile, ma la proposta sta guadagnando slancio a Washington. I senatori John McCain (R-Ariz.) e Joseph Lieberman (D-Conn.) hanno persino redatto la legislazione che chiede un sistema di valutazione dei contenuti universali.

“ una delle maggiori lamentele sui sistemi di valutazione, in particolare il sistema di rating TV, è che sono confusi, ” ha detto l’assistente di Lieberman Dan Gerstein.

L’industria televisiva, sotto la guida di Motion Picture Assn. dell’America Topper Jack Valenti, ha adottato il proprio codice di contenuto due anni fa. Il codice richiede ai programmatori TV di etichettare programmi in diverse categorie tra cui sesso, violenza e linguaggio risco. Il codice MPAA per i film, che ha più di 30 anni, rende le raccomandazioni di visualizzazione basate sull’età, ma non fornisce informazioni sul contenuto effettivo di un particolare film. L’industria musicale ha un’unica etichetta che avverte gli acquirenti che un album ha testi espliciti e orientati agli adulti. E l’industria dei videogiochi ha almeno due sistemi di etichettatura completamente diversi che avvertono gli acquirenti della violenza nei giochi.

Creare un unico sistema di valutazione che funzioni in diversi segmenti del settore dell’intrattenimento potrebbe rivelarsi straordinariamente difficile. Sarebbe particolarmente difficile per l’industria televisiva, che ha un codice che consente ai genitori di programmare i televisori di bloccare determinati spettacoli in base alle loro valutazioni. Il codice funziona con un v-chip che è incorporato in quasi tutti i televisori venduti dall’estate scorsa. Emittenti e sistemi via cavo incorporano il codice di contenuto nei segnali televisivi mentre uno spettacolo viene trasmesso agli spettatori. Il v-chip può leggere la valutazione incorporata e, se programmato per farlo, bloccerà un particolare spettacolo.

Se il codice del contenuto viene riscritto, potrebbe rendere obsolete milioni di quei chip v-chip.

Lascia un commento