BAFTA/BFI Scribe Talks Wrap

LONDRA

Cinque u.K. e tu.S. Gli scripter hanno condiviso i loro processi, suggerimenti ed esperienze con il pubblico durante la terza serie annuale di lezioni dello sceneggiatore del BIFTA/British Film Institute, che ha concluso lunedì con un discorso di “ The Iron Lady ” Scripter Abi Morgan.

La serie, progettata per difendere gli scrittori come autori collaborativi del cinema, invita gli scribi internazionali a condividere i propri stili, ispirazioni, consigli e esperienze unici con il pubblico. Coprendo argomenti dai trattamenti con registi e dirigenti in studio, per sfatare la nozione di blocco dello scrittore ed esaltare l’importanza della ricerca, ogni scriba ha portato la propria voce unica alle lezioni, che sono diventate un momento clou dell’U.K. Calendario cinematografico.

“ Penso che si debba sempre ricordare quando stai scrivendo una sceneggiatura, se alcuni di voi sono scrittori che non sono ancora stati prodotti, non è necessariamente quella sceneggiatura. fatto, ma quello che può fare è essere un’audizione che apre la porta, ” Il premio Oscar e lo scriba vincitore dell’Emmy Julian Fellowes hanno detto al pubblico nel discorso di apertura di quest’anno edizione#8217 a settembre. 27.

Ogni lezione si è rivelata individuale come le voci che li consegnano, dalla razza gioviale di Fellowes attraverso le sue esperienze, all’uso di letture di Morgan da diverse bozze del suo lavoro per dimostrare il suo processo e il progresso sullo schermo.

“ Per produttore, Helmer, attore, DOP e designer, la sceneggiatura è il punto di ispirazione che tutti devono pensare come loro, ” disse Morgan alla lezione di chiusura, ammettendo che lavorare con “ vergogna ” Helmer Steve McQueen le aveva insegnato di più sulla scrittura di ogni altra cosa. “ Il film finale è in realtà le ultime 40 pagine di una sceneggiatura di 100 pagine. Abbiamo gettato via i primi 60 abbastanza presto, che è stato, per qualcuno che riscrive e riscrive, sia frustrante che liberatorio.”

Il vincitore del premio dell’Oscar Brian Helgeland ha usato la sua lezione il ottobre. 26 per consigliare i nuovi scripter di lottare per tutto. “ non scusare mai per essere uno scrittore. Devi combattere. Devi essere assolutamente noto come difficile.” Ha anche consigliato di avere tutto ben pianificato prima di iniziare. “ sii creativo prima di scrivere la tua sceneggiatura. Quando stai scrivendo il tuo contorno puoi prendere rampe di fantasia. Quando rompi il retro della storia, quando fissi il muro tutto il giorno, puoi essere creativo, ” Egli ha detto. “ ma quando inizi a scrivere quello script, sei un architetto e c’è niente di creativo al riguardo.”

“ I ’ non mi crede di consigli di scrittura, perché quando ci si arriva, è tutto così personale e ogni volta che qualcuno mi dà un suggerimento 8217; ha fatto tutto sbagliato, ” ha ammesso Scott Frank, Scripter Nommed Award di “ Out of Sight, ” a ottobre. 1. “ ma lascia che ti dica qualcosa. Lo dico per esperienza. I film cattivi sono altrettanto difficili da scrivere come quelli buoni.”

Frank ha criticato gli scrittori e i cineasti che realizzano film con un occhio ai premi, difendendo il lato commerciale del cinema. “ Quello che accade nella nostra attività è che, con successo e soprattutto premi, i cineasti spesso sviluppano un caso di ciò che mi piace chiamare ‘ l’importanza.’ All’improvviso, sentono il mondo che li guardano, aspettando che decidano. E ogni film che realizzano da quel momento in poi deve essere importante. È tutto per fare la mossa giusta, non il film giusto. E niente uccide una carriera più velocemente di un’ossessione per ciò che è importante.”

Nel suo ottobre. 24 Conferenza, il vincitore del bafta Peter Straughan è venuto in difesa di generi commerciali critici. “ I Don ’ t penso che la gerarchia è molto utile. Se pensiamo a una rom-com di Billy Wilder o a un thriller di Melville o Jacques Audiard o Ben Wheatley, questi sono film che dimenticano loro ’ re-com-com e thriller. Il genere è solo la sezione ritmica nella musica che può essere infinitamente vario e inventivo.”

Tuttavia, Straughan si è bloccato contro le formule di Hollywood. “ è ovvio perché l’industria cinematografica, come industria, vorrebbe trovare modi per prevedere e controllare il successo di una storia con un pubblico. Capisco perché vogliono trasformare la scrittura in una scienza, ma penso che sia un errore, ” Egli ha detto. “ Penso che ci sia una sottile marea nel cinema e scorre nella direzione della formula di previsione. Quella corrente ci fa iniziare a credere che il film dovrebbe avere una certa struttura, e alcuni battiti ed elementi e, peggio di tutti, come membri del pubblico che sono nutriti con una dieta di questo, iniziamo anche a aspettarci. Invece di essere aperti a storie che funzionano in un modo diverso, ci sentiamo sconcertati, annoiati o oscuramente insultati da loro. Quindi raggiungiamo il punto in cui possiamo solo digerire le storie che ci raccontano cose che abbiamo già detto. E questo deve essere anti-arte.”

Anni passati ’ I partecipanti alle conferenze dello sceneggiatore BAFTA/BFI hanno incluso Charlie Kaufman, Ronald Harwood, Guillermo Arriaga, Aline Brosh McKenna e Paul Laverty.

Lascia un commento