Andrew Vajna può supervisionare il finanziamento delle foto dell’Ungheria

L’Ungheria sembra probabile che dia il controllo del suo finanziamento pubblico di film realizzati localmente al produttore ungherese Andrew Vajna, attraverso il suo incarico presso il Ministero dell’economia nazionale.

Con un governo di diritto di centro sotto il primo ministro Viktor Oban desideroso di mantenere il deficit di bilancio del paese dell’Europa centrale entro il 3% del PIL, il rafforzamento della borsa pubblica è una priorità e un obiettivo chiave per la riforma è il film Public Foundation (MMKA), che ha supervisionato sussidi pubblici per i film coltivati in casa dagli anni ’90.

I rapporti sui media suggeriscono che l’MMKA potrebbe vedere il suo budget annuale di $ 15 milioni tagliato a $ 5 milioni.

Tuttavia, circa 10 milioni di dollari saranno forniti da un nuovo fondo che probabilmente sarà amministrato attraverso il Ministero dell’economia nazionale più $ 4 milioni per il National Cultural Institute che fornisce supporto per lo sviluppo ai cineasti.

Parlamento vota sul bilancio DEC. 7.

Le proposte hanno lasciato i cineasti ungheresi.

“ un audit di MMKA all’inizio di quest’anno ha scoperto che aveva debiti di circa $ 35 milioni, e per un certo periodo il suo budget era congelato, ” ha detto un industriate. “ non vi era alcun suggerimento di corruzione … Il denaro era stato speso per sostenere i cineasti locali, ma ora è possibile che l’MMKA sarà limitato a pagare i suoi debiti.”

La decisione di istituire una nuova struttura di finanziamento sotto il controllo del governo — A differenza del MMKA, che era una fondazione pubblica indipendente finanziata dallo stato — potrebbe annunciare una nuova era di influenza politica nei film ungheresi.

“ mettere un produttore di Hollywood responsabile di fondi controllati da un ministro del governo può cambiare il tipo di film finanziati — Questa è una delle paure che i registi di Arthouse hanno, ” la fonte ha detto.

I piani, tuttavia, non incidono sul regime di incentivi fiscali dell’Ungheria per le coproduzioni straniere.

Lascia un commento